Sondrio, 27 novembre 2015   |  

Alessandra Massimino da Sondrio in Indonesia per i Mondiali di Rafting

La sondriese lavora come educatrice scolastica e durante l'estate è guida presso l'Indomita Valtellina River

IMG20150914135229

C'è anche un braccio valtellinese, un braccio d'acciaio, nel dream team “rosa”, finito pure sulle pagine di “Io Donna” e di numerose testate nazionali. Si tratta della squadra femminile italiana di Rafting in partenza per l'Indonesia dove dal 29 novembre all'8 dicembre si svolgeranno i Mondiali. Il nome di una delle pagaie più quotate a livello nazionale è quello di Alessandra Massimino, sondriese, classe '85, educatrice scolastica e durante l'estate guida presso l'Indomita Valtellina River.

 

Ogni estate Alessandra accompagna migliaia di turisti lungo l'Adda svolgendo anche un'intensa attività di promozione turistica delle bellezze della Valle e del fiume Adda. Alessandra è partita da poche ore con le colleghe Elena Bragastini, Clara Ganora, Jasmine Zurlini Frugis e Marianna Tedeschi del Sesia Rafting Team, Caroline Goodall e Francesca Leonardi del DRD4 di Merano. Ale, come tutti la chiamano in base a Castione, si è conquistata un posto in Nazionale lavorando molto duramente.

 

Con le colleghe quest'anno agli Europei in Bosnia si è conquistata l'oro nello slalom, un bellissimo argento nella prova del testa a testa e il bronzo nella sprint. Anche nel 2013, alla sua prima esperienza Mondiale in Nuova Zelanda con la squadra senior femminile, non era mancato il podio con un bell'argento. Mani e unghie sempre perfettamente curate (in certi casi le unghie sono dei veri e propri capolavori con la raffigurazione di onde e fiorellini), Alessandra ha uno sguardo che conquista.

 

Dolce sì ma altrettanto forte e determinata, ben allenata a sopportare fatica e ansia, così come a gestire la paura, sentimento non sconosciuto alle rafters che in pochi secondi devono decidere quale linea seguire lungo un fiume in piena. Ebbene Alessandra avrà di che divertirsi a Sukabumi a Java in Indonesia lungo il Citarik, un fiume di terzo/quarto grado di difficoltà. Le discipline che vedranno le azzurre impegnate saranno la sprint il testa a testa, lo slalom (disciplina più tecnica) e la classica (la gara lunga). Con loro l'allenatore Stefano Pellin.

 

“Siamo in buona forma - spiega Alessandra - abbiamo affrontato allenamenti durissimi in fiume e non. Nel corso dell'anno ci siamo, inoltre, regolarmente incontrate in occasione dei raduni federali per mettere a punto tecnica e strategie”. Due raduni della Nazionale si sono per altro svolti lungo il fiume Adda in casa Indomita. “Siamo cresciute molto nel corso dell'anno - aggiunge Alessandra - e abbiamo imparato a ragionare con una sola testa (solo in fiume si intende). Ce la possiamo giocare davvero bene in Indonesia, ci crediamo molto”. Alessandra è molto affiatata con le compagne di squadra, tutte ragazze davvero toste: cervello, muscoli, sangue freddo e tanta tanta femminilità. Da parte dell'Indomita un grandissimo in bocca al lupo ad Alessandra, al dream team azzurro e al bravissimo coach Stefano Pellin.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newFB newTwitter