Gerola Alta, 12 ottobre 2017   |  

Valgerola e la festa del pane nero

Gerola partecipa alla festa alpina dedicata al pane macinato a pietra

WP 20171001 13 20 53 Pro

Tradizioni alpine, patrimonio culturale alimentare costituitosi nel corso dei secoli nei territori montani che diventa un bene immateriale a cui dedicare attenzione, con una festa annuale che coinvolge più nazioni e comprensori al di qua e al di là dell’arco alpino. Si gusta il pane nero tradizionale, macinato negli antichi mulini, cotto nei vecchi “forni comunitari” di paesi e frazioni, attività di servizio e autoconsumo dove, una volta al mese, si preparava il pane per tutte le famiglie. E insieme al pane, si celebra la cucina povera, formaggi, funghi, conserve contadine, i gnocchi e i “crostoni” di pane.

Gerola Alta centro e stazione alpina della Bassa Valtellina partecipa anche per il 2017 alla festa transfrontaliera lo Pan ner – i Pani delle Alpi che si tiene in provincia di Sondrio, provincia di Brescia, Valposchiavo, Valle d’Aosta e Piemonte. A Gerola domenica sarà aperto l’Antico mulino, il forno di pietra della frazione di Castello. Si potrà visitare la Casa contadina, incredibile riallestimento di una abitazione di pastori. Ogni dettaglio è stato ricostruito, ne esce fuori un museo insediato nella località, in cui si può davvero vedere come si viveva una volta, tra fuochi e paioli che tenevano il centro della stanza, intorno a cui ci si riuniva e stanze austere e raccolte, dove si riposava su pagliericci. Tutti i siti espositivi dell’Ecomuseo della Valgerola, a Gerola Alta saranno visitabili dalle 14 alle 17 e ci saranno animatori ambientali per allietare e istruire i bambini sugli antichi costumi locali.

I ristoranti del paese, con gli chef che hanno tenuto banco nella preparazione dei manicaretti di “Gustosando”, la manifestazione gastronomica a tappe che ha consegnato proprio a Gerola invidiabili riscontri di partecipazione e gradimento, propongono dalle 12 di domenica ricette con piatti di una volta. Spazio importante lo hanno le “ciambelle” nere valtellinesi, quelle di pane di segale, ma c’è il Bitto, la bresaola, ci sono i porcini di Gerola, i canederli, le torte e le crespelle di grano saraceno, i gnocchi di pane.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Ottobre 1866 – Annessione attraverso plebiscito del Veneto, a seguito della sua cessione dalla Francia all'Italia avvenuta il 19 ottobre 1866

Social

newFB newTwitter