Sondrio , 17 maggio 2018   |  

Una sede per la didattica dell'apicoltura e dell’ambiente

Realizzati alcuni servizi importanti a sostegno delle aziende apistiche locali e più in generale per tutta l’apicoltura della Valtellina e Valchiavenna costituendo un modello ed un esempio a livello nazionale.

9295 10116

Grazie all'attenzione che alcuni Enti Locali hanno riservato all'A.P.A.S. - Associazione Produttori Apistici della provincia di Sondrio si sono potuti realizzare alcuni servizi importanti a sostegno delle aziende apistiche locali e più in generale per tutta l’apicoltura della Valtellina e Valchiavenna costituendo un modello ed un esempio a livello nazionale.

In tale contesto un’attività particolarmente importante e rilevante è la didattica apistica: un’azione che si sviluppa in modo articolato perché orientata a target e a obiettivi differenti. Da tempo i tecnici e gli esperti di questa Associazione si sono particolarmente impegnati per organizzare incontri: per illustrare l’apicoltura e il mondo delle api nelle scuole e nelle realtà giovanili; per corsi finalizzati alla formazione di base per i futuri apicoltori; per l’aggiornamento tecnico e professionale con esperti e ricercatori di fama nazionale per mantenere sempre elevato il grado di preparazione degli addetti a questo settore.


In occasione della partecipazione ad uno degli annuali convegni sulla didattica apistica (denominati appunto "Apididattica") siamo venuti in contatto con la realtà della "Casa del Fiume": una struttura molto interessante e con una parte importante dedicata alle api (frequentata da 26.000 bambini/anno). Quest’ultima è stata realizzata in legno e con una sala dotata di gradinata dove accomodarsi ed assistere alle operazioni effettuate nell’apiario dimostrativo. Sopra la finestra è posto un ampio schermo tv collegato ad una telecamera, gestita dall'operatore, che restituisce le immagini ingrandite e i particolari che il docente vuole evidenziare nel corso della lezione. In questo modo si può seguire una lezione pratica in piena sicurezza, avere un quadro di insieme e nel contempo cogliere anche i dettagli di un intervento.

Grazie alla disponibilità e alla collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario del Convitto Nazionale Statale di Sondrio abbiamo anche stilato un protocollo specifico finalizzato alla didattica, che prevedeva la realizzazione e la cessione della proprietà di una struttura ispirata a quella descritta ma migliorata in alcune funzionalità. Grazie al BIM dell’Adda, alla Fondazione Pro Valtellina e alla Fondazione Credito Valtellinese tale importante obiettivo si è potuto concretizzare. Siamo quindi molto lieti di poterlo presentare venerdì 18 maggio alle ore 15 agli Enti che ci hanno sostenuto, ai rappresentanti delle Istituzioni e agli amici dell’informazione.

Lunedì 14 Maggi, il Centro è già stato aperto, in modo sperimentale, a due classi della Scuola Primaria di via Bosatta guidate dalla insegnanti Manuela Redaelli, wilma Gianoncelli, Annamaria Passaretti e Chiara Sottovia. Un banco di prova che ha testato il programma e le proposte elaborate congiuntamente con l’Istituto Agrario di Sondrio per offrire una gamma di attività didattiche varie, interessanti e ben articolate.

Il Centro di didattica apistica e ambientali si avvarrà nel funzionamento di giovani laureate particolarmente preparate. Per il giorno 9 Giugno è previsto un Open Day rivolto alle insegnanti per presentare tutte le proposte didattiche 2018-2019 realizzate congiuntamente con l’Istituto Tecnico Agrario di Sondrio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Ottobre 1879 Thomas Edison testa la prima lampadina funzionante in modo efficace (resterà accesa per 13 ore e mezza prima di bruciarsi)

Social

newFB newTwitter