Sondrio, 01 luglio 2020   |  

Un po' di Promessi Sposi. Federigo gli andò incontro...

Promessi sposi in streaming: l'originale iniziativa del Museo Meina con Gianni Dal Bello (Puntata 88esima)

Gianni Dal Bello è giornalista professionista, scrittore, narratore, regista, musicista ha avuto un'idea originale in questi difficili momenti in cui la maggior attenzione è rivolta alla lotta al Covid-19 recitare i Promessi Sposi in streaming.

In questi giorni in cui le attività al pubblico dei luoghi della cultura in tutta Italia sono sospese, il Museo Meina, cultural park del Lago Maggiore, ha ideato un'originale iniziativa. Ha infatti deciso di proporre un appuntamento in streaming con letture interpretate a cura di Gianni Dal Bello, di una selezione di brani dei "Promessi Sposi".

<<Siamo stati sollecitati da molti utenti - spiega Dal Bello, direttore della Fondazione UniversiCà - a inventare attività online visto che le visite ai percorsi multimediali in questi giorni non sono possibili. A tal proposito abbiamo pensato di offrire soprattutto agli studenti e a quanti ci seguono, la lettura del romanzo più noto di uno dei personaggi più significativi della letteratura. Per i prossimi giorni stiamo pensando anche ad attività simili dedicate ai più piccoli>>. Anche in tempi di Coronavirus, il Museo sta proseguendo le proprie iniziative culturali promosse con il progetto "IMAGO" dedicato alle esplorazioni, in attesa della futura riapertura.

Biografia di Gianni Dal Bello Laureato in Scienze Politiche. È direttore del Polo museale sulla civiltà alpina di Druogno (VB) e del Museo Meina (NO) per Fondazione UniversiCà; docente del Master di Comunicazione Sociale – Facoltà Teologica Torino: direttore responsabile della rivista a diffusione nazionale “InformAle” house organ dell’onlus Casa Alessia. Autore e curatore di diversi libri, ha recentemente pubblicato con Leucotea Edizioni i romanzi “Il Sogno di Alessia” e “Lumi sul Cervino” ./. continua

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

4 Luglio 1776 il Congresso Continentale approva la Dichiarazione d'indipendenza dal Regno Unito, formando gli Stati Uniti d'America

Social

newFB newTwitter