Milano , 22 dicembre 2016   |  

Studenti disabili, servizi e trasporti per aiutare le famiglie

Mercoledì 21 Dicembre, approvato emendamento per i servizi agli studenti disabili lombardi

index

Approvato, mercoledì 21 Dicembre, da parte del Consiglio regionale, dell'emendamento alle leggi regionali 19/2007 e 3/2008, con cui la Regione riprende in carico, dal prossimo anno scolastico, i servizi agli studenti disabili lombardi, di livello di istruzione secondaria, che con le stesse leggi aveva delegato alle Province.


"Abbiamo a cuore le esigenze delle fasce deboli della popolazione lombarda - ha sottolineato Maroni -, per questo ci facciamo carico di un onere in più, ma lo facciamo volentieri perché vogliamo garantire un sostegno vero ed efficace alle persone deboli".

Il testo emendato, approvato all'unanimità, stabilisce quindi che spettano alle Regioni "la promozione, il sostegno e la gestione, in relazione all'istruzione secondaria di secondo grado, dei servizi di trasporto e di assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli studenti con disabilità fisiche o psichiche, nonché, in relazione a tutti i gradi di istruzione e ai percorsi di istruzione e formazione professionale, la promozione, il sostegno e la gestione dei medesimi servizi per gli studenti con disabilità sensoriale".

"Abbiamo preso atto dell'incapacità delle Province, alla luce dei tagli statali, di fare fronte alle esigenze degli studenti disabili - ha dichiarato l'assessore all'Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia, illustrando l'emendamento da lui presentato - quindi come Regione ci riprendiamo in carico l'onere di garantire agli studenti disabili i servizi di cui necessitano, a partire dal trasporto. In questo modo intendiamo mettere fine a un'annosa questione e alle polemiche strumentali che spesso l'hanno accompagnata".

"Finalmente mettiamo un punto a una questione vergognosa, che rischiava di penalizzare i nostri studenti disabili - è il commento dell'assessore regionale al Reddito di Autonomia, Inclusione sociale e Post Expo Francesca Brianza, Regione Lombardia era stanca di assistere a uno stucchevole rimpallo di responsabilità, a fronte alle inefficienze manifestate dalle Province, ma soprattutto era necessario dare risposte concrete agli studenti, alle loro famiglie e alle associazioni. Regione darà le linee guida, affinché i servizi siano finalmente efficienti e sicuri su tutto il territorio lombardo".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Settembre 1540 l'Ordine dei Gesuiti riceve il proprio statuto da Papa Paolo III

Social

newFB newTwitter