Sondrio , 02 maggio 2019   |  

Primo Maggio, 4 i Maestri del Lavoro in Provincia di Sondrio

Delle 142 onorificenze consegnate a livello regionale, quattro sono state conferite alla provincia di Sondrio

image1

Alla sala Verdi del Conservatorio di Milano, mercoledì 1 Maggio, si è svolta la cerimonia per il conferimento della “Stella al Merito” ai neo Maestri del Lavoro della Lombardia, presieduta dal Prefetto di Milano  Renato Saccone e del prefetto di Sondrio Paola Spena, con la partecipazione del Presidente del Consiglio della Città di Milano Lamberto Bertolè, del Consigliere Delegato della Città Metropolitana di Milano Sara Bettinelli, del Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, del Console Regionale dei MdL (Maestri del Lavoro) Maurizio Marcovati, del Presidente del Consiglio regionale di A.N.L.A. (Associazione Nazionale Seniores d'Azienda) Roberto Tenedini, del Presidente del Gruppo Lombardo dei Cavalieri del Lavoro D’Italia Luigi Roth, e del Direttore Interregionale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro Aniello Pisanti . 

Delle 142 onorificenze consegnate a livello regionale, quattro sono state conferite alla provincia di Sondrio e consegnate a: MdL(Maestro del Lavoro)  Bergomi Fernando dipendente da 41 anni della Società Funivie al Bernina srl in Chiesa Valmalenco, MdL Piero Sergio Giovanni dirigente della Banca Popolare di Sondrio in servizio da oltre 41 anni, Rovedatti Gianfranco impiegato da 40 anni presso l’Impresa Quadrio Costruzioni spa, Magri Rosella dipendente Credito Valtellinese S.P.A. Sondrio da oltre 33 anni.

Ad accogliere e festeggiare i nuovi Maestri accompagnati per l’occasione dai propri famigliari, erano presenti il Console emerito MdL Mario Erba, il Console Provinciale Ornella Moroni, l’Assessore alla Cultura e Istruzione del Comune di Sondrio Marcella Fratta, il Presidente della società Funivie del Bernina srl, Avv. Franco Vismara e il Presidente dell’Impresa Quadrio Costruzioni, dottor Maurizio Quadrio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Luglio 1992 a Palermo, a pochi mesi dalla strage di Capaci, viene ucciso dalla mafia il procuratore della Repubblica Paolo Borsellino

Social

newFB newTwitter