Como , 17 marzo 2022   |  

Scomparso Bernasconi direttore della Caritas Diocesi di Como

I funerali si svolgeranno lunedì 21 Marzo, alle ore 15.00, in Cattedrale, presieduti dal Vescovo monsignor Oscar Cantoni.

diacono roberto bernasconi 1 800x691

Roberto Bernasconi direttore Caritas Diocesi di Como - crediti fotografici Diocesi di Como

La camera ardente sarà allestita nella Cappella della Santissima Trinità del Centro Pastorale Cardinal Ferrari di viale Cesare Battisti, 8 a Como sarà accessibile dal portone della chiesa da viale Battisti. Venerdì 18 marzo la camera ardente sarà aperta dalle ore 15.00 alle ore 18.00. Sabato 19 e domenica 20 marzo la camera ardente sarà aperta con orario continuato dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Sabato 19 marzo, alle ore 20.30, ci sarà il Santo Rosario in suffragio di Roberto Bernasconi nella chiesa parrocchiale di Como-Rebbio.

Lunedì 21 marzo la camera ardente sarà aperta dalle ore 9.00 alle ore 12.00. I funerali si svolgeranno lunedì 21 marzo, alle ore 15.00, in Cattedrale, presieduti dal Vescovo monsignor Oscar Cantoni. Per chi non potesse partecipare in presenza, le esequie saranno trasmesse in diretta sul canale YouTube de “Il Settimanale della diocesi di Como”.

LE PAROLE DEL VESCOVO MONSIGNOR OSCAR CANTONI

«È con il cuore gonfio di dolore che come Chiesa di Como, insieme alla famiglia, diamo notizia della nascita al Cielo di Roberto Bernasconi e, allo stesso tempo, esprimiamo una gratitudine sincera per averlo avuto fra noi.
È stato per tutti un modello di vita cristiana e di umanità profonda, nei suoi tanti volti di battezzato, sposo, padre, nonno, lavoratore, diacono permanente, direttore della Caritas diocesana.
In questo momento siamo disorientati, ci facciamo tante domande… Abbiamo la risposta e la troviamo in Dio, nella consolazione che solo la preghiera può donarci.
Roberto ha saputo incarnare e rendere vita quotidiana le virtù teologali. Con la sua fede: limpida e solida, radicata nel Vangelo. Con la sua speranza: capace di guardare oltre, di avere come orizzonte l’umanità e di trovare caparbiamente una soluzione a qualsiasi tipo di problema gli venisse sottoposto. Raramente gli ho sentito pronunciare un «no». Il suo atteggiamento era sempre: «vediamo cosa possiamo fare». Infine, con la sua carità. Una carità vera, alimentata dalla preghiera e dalla relazione con Gesù Eucaristia, che gli permetteva di cogliere in tutte le persone che incontrava lo sguardo di Dio e per questo sapeva metterle al centro di ogni pensiero e azione, rispettandole e valorizzandole nella loro dignità. Aveva fatto sua la certezza che ci dice San Paolo: «La carità non avrà mai fine».
Ci stringiamo ai suoi familiari e a tutta la grande famiglia che per lui sono stati questa nostra Diocesi, la Caritas diocesana, l’Azione cattolica, i confratelli diaconi permanenti, la comunità civile, i tanti fragili che hanno trovato nel suo volto e nel suo sorriso un punto di riferimento e di conforto.
Roberto continuerà a vivere nell’eredità preziosa che ci ha lasciato e il cui futuro, ora, è consegnato a tutti noi.» + Oscar CANTONI, Vescovo di Como

LE PAROLE DELLA CARITAS DELLA DIOCESI DI COMO

«Non è semplice in questo momento di dolore ricordare il nostro caro direttore Roberto. Ci stringiamo alla moglie Laura, alla figlia Sandra e alla sua famiglia, a tutti i volontari e agli operatori della Caritas, ai confratelli diaconi, ai sacerdoti e alle comunità con cui Roberto ha condiviso la sfida appassionante della carità.
Roberto aveva a cuore la corresponsabilità nella Chiesa, per questo si era messo al servizio fin da ragazzo in numerose realtà ecclesiali, nel ministero diaconale e, infine, nella Caritas diocesana dove aveva iniziato il suo servizio dal basso, come volontario del dormitorio invernale per poi arrivare ad essere chiamato, dal vescovo Diego Coletti, a svolgere il servizio di direttore nell’agosto del 2007. «Questo incarico, accettato per obbedienza, si è subito trasformato in un servizio», aveva ricordato nella sua prima intervista da direttore.
Roberto era un uomo concreto, energico, per tutti noi un trascinatore, un entusiasta. Non si è mai risparmiato: nei viaggi in lungo e in largo per la nostra diocesi, in Italia nelle missioni per portare aiuto nelle zone colpite dai terremoti, nell’accoglienza vivendo in prima persona e senza riserve i drammatici fatti della primavera-estate del 2016 quando Como divenne l’epicentro della crisi migratoria. Fino agli ultimi giorni quando era in prima linea per gestire l’emergenza causata dalla guerra in Ucraina.
Un uomo di azione che amava sporcarsi le mani - montando un letto o preparando semplicemente un piatto di pasta per un momento conviviale -, ma altrettanto condividere pensieri, idee e progetti.
Con il suo impegno e la sua dedizione è stato capace di guadagnarsi la stima degli uomini e delle donne impegnati nelle istituzioni che hanno sempre trovato in lui un uomo di dialogo, un costruttore di ponti.
Roberto amava profondamente la Chiesa, tanto che fino all’ultimo ha partecipato attivamente al cammino del sinodo diocesano e alle visite dei vicariati insieme al nostro vescovo Oscar. Sentiva l’urgenza che la nostra Chiesa diocesana vivesse fino in fondo l’esperienza della carità come segno profetico dell’Amore.
Il 1° marzo scorso al termine del rosario per la pace in Cattedrale – chiesa madre della diocesi in cui svolgeva il suo ministero diaconale – Roberto ha rivolto un invito all’accoglienza. Poche ore dopo è stato colto dal malore da cui non si è più ripreso. In quell’occasione aveva concluso il suo breve intervento dicendo: «Dopo una preghiera così intensa la nostra Chiesa propone anche delle opere a favore di questi nostri fratelli…» e ancora «sarebbe bello trovarsi insieme, imparare a conoscerci sempre più perché possiamo diventare insieme un’unica famiglia».
Parole che suonano oggi per noi come un mandato: continuare come una famiglia a tenere insieme preghiera e azione vivendo da fratelli.
Uniti lo affidiamo all’abbraccio materno della Madonna di Lourdes, a cui era tanto devoto con l’amata moglie Laura.»

Biografia
Roberto Bernasconi è nato a Cagno il 7 giugno 1951. È stato nominato direttore della Caritas diocesana il 19 luglio 2007 dal vescovo Diego Coletti poche settimane dopo aver lasciato – per sopraggiunta pensione – il suo lavoro alla Bric’s di Olgiate Comasco. È stato ordinato diacono il 5 settembre 1998. Viveva a Rebbio.
Non è facile riassumere in poche righe il cammino fatto dalla Caritas diocesana di Como nei quindici anni in cui Roberto Bernasconi è stato direttore. Di seguito alcuni momenti chiave (la maggior parte di queste attività sono state realizzate in sinergia con la Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio onlus)
Nel 2008 ricordiamo l’apertura del Centro diurno L’Incontro in via Giovio a Como.
Nel 2009 l’intervento per il Terremoto a L’Aquila.
Nel 2010 la raccolta per il Terremoto di Haiti.
Nel 2010 l’apertura del dormitorio comunale di via Napoleona gestito da Caritas fin dal primo giorno.
Nel 2011 l’inizio dell’emergenza Nord Africa con l’apertura di un centro di accoglienza dai Padri Comboniani a Rebbio e l’avvio dei percorsi di accoglienza in Diocesi con il coinvolgimento delle parrocchie e la nascita di una rete di cooperative promosse dalla Caritas diocesana.
Nel 2011 l’inaugurazione di Casa di Lidia, struttura di accoglienza a Morbegno.
Nel 2012 il terremoto in Emilia e l’inaugurazione del Centro di comunità di Quatrelle finanziato con le offerte raccolte in Diocesi di Como.
Nel 2013 il 40°esimo della Caritas diocesana e la consegna dell’Abbondino d’oro alla Stessa Caritas.
Nel 2014 il lancio del Fondo Dona Lavoro, primo di una serie di fondi diocesani di sostegno economico alle famiglie.
Nel 2015 la grande Assemblea diocesana della Caritas a Nuova Olonio dal titolo “Parrocchia motore di solidarietà”.
Nel 2016 l’emergenza migranti alla Stazione S. Giovanni a Como con l’attivazione della Mensa di S. Eusebio, l’accoglienza in via Sirtori e l’assistenza a centinaia di minori stranieri non accompagnati e la successiva apertura del "Campo Cappelletti" della Croce Rossa.
Nel 2017 l’apertura del dormitorio di seconda accoglienza presso i padri Comboniani di Rebbio (in collaborazione con la Parrocchia) .
Nel 2018 la collaborazione con Ali Onlus per il sostegno al Venezuela colpito dalla crisi.
Nel 2019 l’incontro a Como tra i Vescovi di Como e Lugano e le rispettive Caritas punto di arrivo di un gemellaggio tra la Caritas diocesana e quella ticinese costruito nel corso degli ultimi anni.
Nel 2019 l’inaugurazione del Centro di Comunità a Campi Ancarano, nel comune di Norcia, culmine degli interventi promossi dalla Caritas diocesana di Como nelle zone colpite dal terremoto del 2016.
Nel 2020 l’avvio del Progetto Betlemme.
Nel 2021 l’apertura di una nuova sede Caritas a Sondrio.
Nel 2021 l’apertura di Casa Nazareth con relativa mensa di solidarietà.

A tutto questo si aggiunge la parte forse più importante: la presenza quotidiana al fianco degli operatori e il lavoro costante di dialogo e relazione con i vescovi che si sono succeduti, le comunità parrocchiali in tutti i vicariati della Diocesi e le rispettive istituzioni locali.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

6 Luglio 1885 Louis Pasteur testa con successo il suo vaccino contro la rabbia. Il paziente è Joseph Meister, un ragazzo morso da un cane rabbioso

Social

newFB newTwitter