Milano , 16 maggio 2019   |  

Salute, bioetica e management per i nuovi direttori in sanità

Riparte, giovedì 16 maggio, la scuola di PoliS-Lombardia che formerà i futuri direttori generali, sanitari, amministrativi e socio-sanitari. Una quarantina i dirigenti medici iscritti, la maggior parte dei quali proviene da 9 province lombarde, mentre 5 da città di altre regioni (Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige)

led nella medicina 1080x675

Ingegneria genetica, modelli integrati di gestione, meccanismi di finanziamento, organizzazione delle risorse umane e disciplina degli appalti: sono solo alcune delle competenze che chi aspira a diventare direttore di azienda sanitaria (DIAS) deve acquisire seguendo uno specifico corso. Obbligatorio per legge (d.lgs n.171/16), è la prima edizione del 2019 e viene organizzata a Milano da PoliS-Lombardia.

In particolare, dalla sua Accademia di formazione per il servizio sociosanitario lombardo (AFSSL) che il 16 aprile scorso ha diplomato circa 500 professionisti, fra i quali 125 come direttori di struttura complessa (DSC) e direttori sanitari (DIAS).

L’avvio della scuola è previsto giovedì 16 maggio a partire dalle 9.30 e per tutto il giorno nell’aula di formazione Benaco-Verbano di PoliS-Lombardia in via Pola 12/B.

Alcune ore saranno dedicate alla bioetica, con temi quali l’eutanasia, l’ingegneria genetica, la fecondazione, oltre all’avanzamento dell’innovazione tecnico scientifica, l’editing del genoma, la medicina di precisione.

Il ciclo di lezioni è l’unico in Lombardia che consente, che prevede la legge, di ottenere l’abilitazione a direttore generale o amministrativo o sanitario o socio-sanitario.

Permette l’accesso all’elenco nazionale dal quale le Regioni scelgono i manager che guideranno le aziende sanitarie pubbliche nei prossimi anni. Tra l’altro, quando un manager dell’area socio-sanitaria viene nominato, ha diciotto mesi di tempo per ottenere il certificato di frequenza al corso di formazione abilitante, che è a pagamento, in materia di sanità pubblica e di organizzazione e gestione sanitaria.

Il paziente cronico e la legge lombarda Uno dei focus del corso proposto in Lombardia è la riforma sanitaria regionale che garantisce la presa in carico del paziente cronico, introducendo la figura del gestore e attivando una stretta collaborazione con i medici di medicina generale (MMG).

I partecipanti al nuovo corso Gli iscritti alla nuova edizione sono una quarantina e provengono anche da Roma, Bolzano, Torino, Modena e Biella. Anche se la maggior parte giunge da nove province lombarde: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Pavia. Una quindicina operano in strutture private.

L’organizzazione della didattica Le lezioni, che dureranno 138 ore (comprendono anche due giornate di team building il 27 e il 28 Maggio), saranno sviluppate in quattro moduli.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Maggio 1536 Anna Bolena, la seconda moglie di Enrico VIII d'Inghilterra, viene decapitata con la falsa accusa di adulterio

Social

newFB newTwitter