Sondrio, 24 novembre 2022   |  

Regione Lombardia assegna a fondo perduto oltre 2,5 mln per le imprese artigiane

Il bando Qualità artigiana è nato con lo scopo di promuovere il mantenimento e il rafforzamento della cultura e dell'identità artigiana

IMG 20221124 WA0002

Sono cresciute le risorse del bando ‘Qualità artigiana’ di Regione Lombardia, chiuso settimane fa. Con una delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico Guido Guidesi, sono stati stanziati ulteriori 685.340 euro, che hanno portano la dotazione finanziaria totale della misura a 2.550.000 €.

Una cifra che ha soddisfatto tutte le quasi 300 imprese artigiane, operanti nei settori artistico, manifatturiero e della trasformazione alimentare con sede legale e/o operativa in Lombardia, che hanno presentato progetti di qualità.

“È il riconoscimento di Regione Lombardia al saper fare – ha detto l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Guido Guidesi -. Non solo un importante contributo economico, ma anche un sentito grazie per queste imprese che continuano a innovarsi guardando al futuro. Un nuovo strumento di sostegno alla loro competitività, sviluppato in collaborazione con Unioncamere Lombardia, a cui estendo il grazie di Regione Lombardia”.

Le imprese hanno beneficiato di un contributo a fondo perduto concesso nel limite massimo di 10.000 euro, a fronte della presentazione di un progetto di investimento. Con l’aggiudicazione del bando, oltre al contributo economico, ai soggetti è stato assegnato il riconoscimento ‘Qualità artigiana’.

Il bando Qualità artigiana è nato con lo scopo di promuovere il mantenimento e il rafforzamento della cultura e dell'identità artigiana, la conoscenza dei prodotti artigiani, la conservazione dei beni mobili e immobili destinati all'attività artigiana, sostenere interventi di sviluppo, innovazione e miglioramento della qualità e incentivare la trasmissione dell'attività di impresa artigiana tra generazioni, favorendo la continuità nella gestione, l'inserimento lavorativo dei giovani e le occasioni di lavoro.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

9 Dicembre 1987 secondo e ultimo giorno di votazioni del referendum che vieterà la produzione di elettricità tramite l'energia nucleare nel nostro Paese

Social

newFB newTwitter