Morbegno , 03 novembre 2016   |  

Raddoppia il Festival Pianistico

Quest'anno oltre che nella tradizionale sede di Morbegno il "Festival Pianistico" si svolgerà anche a Chiavenna

Trio1

Quest'anno oltre che nella tradizionale sede di Morbegno presso l'Auditorium di Sant'Antonio, ci sarà una grande novità, il Festival raddoppia e si svolgerà anche a Chiavenna.

Grazie alle istituzioni locali e agli sponsor è stato possibile ampliare i territorio di riferimento del Festival non venendo meno al livello qualitativo dell’offerta musicale, che contraddistingue il Festival Pianistico.
Punto saldo e invariabile invece è il direttore artistico, il M° Michele Montemurro, che da ormai sette anni si dedica con passione alla programmazione del Festival.


Il Festival avrà inizio a Morbegno con il concerto del pianista Andrea Bacchetti. Mentre il primo appuntamento chiavennasco vedrà come protagonista il Trio Arizza (violino, violoncello e pianoforte), formato dalle giovanissime sorelle Emma, Beatrice e Carlotta, che insieme non raggiungono i 60 anni! Ancora una volta, i più giovani e talentuosi musicisti italiani saranno al centro dell’attenzione del Festival.

Seguirà, sempre a Chiavenna, un prestigioso evento della durata di tre giorni con la presenza del grande pianista Paolo Bordoni. Il Maestro dapprima si esibirà in un recital dedicato alle Fantasie per pianoforte di vari autori, poi nei due giorni successivi terrà un’importante masterclass pianistica aperta a giovani studenti e diplomati provenienti dai conservatori italiani e dalle scuole di musica della provincia. Al termine della masterclass si svolgerà anche il concerto dei migliori allievi.


La stagione si chiuderà a Morbegno con il concerto del pianista Francesco Libetta. Noto al pubblico mondiale per le sue eccezionali doti di virtuoso, Libetta torna per la seconda volta sul palco dell’Auditorium S. Antonio, dove si è già esibito nella terza edizione ottenendo ampi riscontri di critica e pubblico.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter