Sondrio , 18 ottobre 2019   |  

Al via campagna vaccino antinfluenzale

Sarà il 4 di Novembre ed il servizio è gratuito per chi ha compiuto 65 anni e per le categorie a rischio

vaccination 2722937 640

"Per te e per tutti: vaccinarsi contro l’influenza significa proteggere se stessi, innanzitutto, ma anche le persone vicine". Questo il senso del messaggio che accompagna la campagna per il vaccino antinfluenzale promossa dalla Regione Lombardia, con Ats Montagna e Asst Valtellina e Alto Lario, sul nostro territorio: “Non farti influenzare. Vaccinati e proteggi la salute di tutti!”.

A partire dal 4 novembre, ci si potrà rivolgere al proprio medico, al pediatra o alle sedi vaccinali dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Valtellina e Alto Lario. «L’obiettivo è di coprire il 75% degli ultrasessantacinquenni - spiega il referente per le vaccinazioni  dell’Asst Valtellina e Alto Lario Tomaso Leali -, ora siamo attorno al 52%.

Partiamo a novembre per avere la certezza della copertura, considerato che il virus avrà maggiore diffusione, come sempre, tra dicembre e gennaio. Con la vaccinazione somministrata a novembre l’organismo avrà il tempo necessario per produrre gli anticorpi che lo proteggeranno nei mesi successivi. Il consiglio agli utenti è di usufruire di questa opportunità e di non sottovalutare una patologia che può essere insidiosa per le possibili complicanze».   

Secondo le disposizioni del ministero della Salute, la vaccinazione viene offerta ai soggetti che per le loro condizioni personali corrono un maggior pericolo di complicanze nel caso in cui contraggano l’influenza. In particolare, la vaccinazione è gratuita per chi ha compiuto i 65 anni, per le categorie a rischio, quali malati cardiopatici, con patologie respiratorie, diabetici, oncologici e altri, per le forze dell’ordine e per il personale sanitario e socio-sanitario. Questi utenti possono scegliere di rivolgersi al medico di base o alle sedi vaccinali dell’Asst Valtellina e Alto Lario attive presso i Presst, i sette presidi socio-sanitari territoriali. Per ciascuno è stato definito un calendario con date e orari per la somministrazione del vaccino: a Bormio Livigno, Morbegno, Tirano, Sondrio, Chiesa in Valmalenco, Chiavenna e Dongo.

I vaccini a disposizione dell’Asst serviranno anche per gli ospiti delle case di riposo e per i pazienti ricoverati in ospedale. Mentre, secondo le nuove disposizioni della Regione Lombardia, sarà l’Ats Montagna, attraverso le farmacie, a rifornire i medici di base. Ai nati nel 1954, contemporaneamente all’antinfluenzale, vengono offerte, se richieste, anche le vaccinazioni contro lo pneumococco e contro l’herpes Zoster.  

Modalità, date e orari della somministrazione del vaccino antinfluenzale, divisi per presidio, sono pubblicati sul sito internet www.asst-val.it e divulgati attraverso volantini distribuiti presso gli ambulatori dei presidi sociosanitari territoriali, le portinerie e le casse degli ospedali.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter