Sondrio, 05 agosto 2022   |  

Appeso in sala Consiglio lo stemma di Sondrio in legno intarsiato

Il pregevole lavoro è stato realizzato da Giorgio Squarcia dell'Associazione Valtellina Intagliatori

Stemma intarsio 1

Lo stemma del Comune di Sondrio ha ora anche una versione in legno, finemente intarsiata, dono dell'Associazione Valtellina Intagliatori, che è stata posizionata su una parete della Sala consiglio, a Palazzo Pretorio. Un omaggio all'Amministrazione comunale, in segno di riconoscenza per aver coinvolto l'associazione negli eventi organizzati e per aver dato visibilità all'opera che svolge per promuovere e valorizzare la lavorazione artistica del legno, in particolare dell'intaglio, della scultura e dell'intarsio, nel rispetto della tradizione valtellinese. Per la prima volta il sodalizio ha potuto esporre i lavori dei suoi associati, provenienti da tutta la valle, nella mostra allestita a Palazzo Pretorio la primavera scorsa.

Nel pomeriggio di ieri il presidente Bruno Facetti, il responsabile del ramo intarsio Luigi Briotti e l'autore dell'opera Giorgio Squarcia sono stati accolti nella Sala Consiglio di Palazzo Pretorio dal sindaco Marco Scaramellini e dagli altri componenti della Giunta comunale con il consigliere Patrizia Benini, alla quale si deve l'avvio della collaborazione, iniziata con il presepe vivente e proseguita con la manifestazione dell'aprile scorso "Sondrio ti prende per la gola".

Nell'occasione, i volontari dell'associazione, oltre alla mostra, a titolo gratuito, avevano organizzato dei laboratori di intarsio nel cortile della sede municipale e realizzato delle statue in legno che verranno posizionate lungo il sentiero che da Gombaro conduce a Maioni. Il sindaco Scaramellini ha ringraziato per il dono, si è complimentato con l'autore e ha espresso apprezzamento per l'impegno che i componenti dell'associazione dedicano alla divulgazione delle nostre tradizioni e in particolare alla lavorazione del legno.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Agosto 1966  John Lennon tiene una conferenza stampa a Chicago, scusandosi per aver detto che i Beatles erano più famosi di Gesù

Social

newFB newTwitter