Sondrio , 13 settembre 2018   |  

Modifiche al Piano sviluppo rurale accettate dall'UE

Più investimenti su biologico e innovazione. In arrivo 35 mln di euro su sostegno ad aziende agricole lombarde

705e0f3102c681605aa16b98ffb5dc9e XL

La Commissione dell'Unione Europea ha approvato la proposta di modifica al Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 presentata dalla Regione Lombardia. Si tratta di un passaggio importante per rafforzare la strategia dello sviluppo agricolo nella regione, adattandola ai cambiamenti e consolidando gli obiettivi legati all'ambiente e all'innovazione, agli investimenti nel comparto agricolo, alla salvaguardia della biodiversità e alla prevenzione delle coltivazioni agricole dalle fitopatie.

«Un bel riconoscimento al lavoro e alla capacità di programmazione della Regione Lombardia,  commenta Fabio Rolfi, assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi. Appena insediato, ho voluto aggiornare alcuni passaggi del piano settennale in attesa di programmare quello del 2021-27. Grazie a
queste modifiche avremo piu' finanziamenti per razionalizzare la risorsa acqua, per sostenere la biodiversità  e per prevenire le fitopatie. Gli incrementi più significativi riguardano gli investimenti sul biologico e sulla sostenibilità economica e l'innovazione delle aziende agricole. Si tratta di obiettivi fondamentali per l'agricoltura lombarda, che vogliamo perseguire fin da subito e sviluppare poi nel prossimo Psr. La conversione a biologico, per la quale destiniamo 7 milioni di euro in più, consente di stare sui mercati internazionali e rappresenta un valore aggiunto per la distintività dei nostri prodotti, la cui qualità e' riconosciuta in tutto il mondo e va valorizzata. Così come è fondamentale supportare le imprese agricole nell'ammodernamento e sviluppo delle strutture aziendali. Una misura molto attesa dal settore su cui avremo risorse aggiuntive per 35 milioni di euro».

Le modifiche più significative sono le seguenti:  investimenti sui sistemi di irrigazione delle aziende agricole, con una dotazione finanziaria di 3,5 milioni di euro, per promuovere l'adozione di sistemi e impianti finalizzati a una più efficiente gestione delle risorse idriche nelle aziende agricole;  rafforzamento di iniziative a sostegno della biodiversità, introduzione di nuovi interventi per la protezione delle produzioni agricole e zootecniche da fauna selvatica, con un incremento della dotazione finanziaria di 1 milione di euro e una gestione più sostenibile dei prodotti fitosanitari;  un incremento della dotazione finanziaria di 4,5 milioni di euro per favorire lo sviluppo di un maggiore numero di progetti di innovazione, che affrontano problematiche di interesse per il comparto agricolo e zootecnico lombardo, con l'obiettivo di aumentare le conoscenze delle imprese e consentire loro di introdurre nelle aziende le innovazioni;  l'incremento di 7 milioni di euro della dotazione finanziaria della Misura 11 sull'agricoltura biologica, a fronte di un crescente interesse delle imprese agricole lombarde verso questo settore;  il consolidamento delle misure di prevenzione delle coltivazioni agricole dalle fitopatie, con un aumento di 2,4 milioni di euro;  l'incremento di 35 milioni di euro della dotazione finanziaria dell'Operazione 4.1.01;  incentivi per investimenti per la redditività, competitività e sostenibilità delle aziende agricole, per supportare con maggiore efficacia le imprese agricole nell'ammodernamento e sviluppo delle strutture aziendali.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter