Milano , 04 luglio 2019   |  

Milano incontro sulle occupazioni abusive

Nel corso dell’incontro si è preso positivamente atto delle iniziative avviate dall’ALER e dal Comune di Milano, volte ad aumentare le unità immobiliari per soddisfare il fabbisogno abitativo, nel rispetto delle regole.

222px Palazzo Troilo

Si è tenuta, mercoledì 3 Luglio, in Prefettura la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Renato Saccone, alla quale hanno partecipato l’Assessore alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità della Regione Lombardia Stefano Bolognini, l’Assessore ai Lavori Pubblici e Casa del Comune di Milano Gabriele Rabaiotti, il Presidente Aler Mario Angelo Sala e il Direttore Generale di MM Stefano Cetti, per fare il punto aggiornato della situazione connessa alle occupazioni abusive degli immobili del patrimonio pubblico.

Nel corso dell’incontro si è preso positivamente atto delle iniziative avviate dall’Aler e dal Comune di Milano, volte ad aumentare le unità immobiliari per soddisfare il fabbisogno abitativo, nel rispetto delle regole.

In particolare, il Comune di Milano e MM hanno specificato che, entro aprile 2021, verranno ristrutturate 3.000 unità, di cui 909 sono state già recuperate ed assegnate agli aventi diritto nel mese di maggio 2018.

Sono 1.000, invece, gli alloggi di Aler che, entro il 2019 sull’intera provincia, verranno ristrutturati per far fronte alla crescente domanda abitativa.

Sul piano della liberazione degli immobili occupati abusivamente, si registra una tendenza positiva, in quanto, dal 1° gennaio al 30 giugno 2019, si è passati da 4.487 immobili occupati abusivamente, di cui 3.467 di Aler e 1.020 di MM, a 4.162 immobili occupati abusivamente, di cui 3.243 di Aler e 919 di MM, per un totale di 325 immobili liberati.

La strada intrapresa sta dando buoni risultati. Tuttavia, è stato stabilito di proseguire nella strategia avviata per ridurre ulteriormente i dati delle occupazioni consolidate e bloccare sul piano della prevenzione le occupazioni in flagranza, anche attraverso un potenziamento dei servizi di controllo e vigilanza da parte delle Forze di Polizia e della Polizia Locale.

Si è convenuto sulla necessità di velocizzare, attraverso metodologie condivise e in conformità al nuovo regolamento ALER, i tempi di assegnazione degli alloggi, nonché di avviare da subito i cantieri per quegli alloggi sgomberati che rientrano nei processi di riqualificazione urbana, per i quali sono stati previsti cospicui finanziamenti pubblici.

Sulla base degli interventi di riqualificazione urbana, ritenuti prioritari dal Comune e dalla Regione, tra i quali Via Gola, Via Bolla e Via Quarti, verranno assicurate, con il coordinamento della Prefettura, tutte le azioni necessarie per garantire la realizzazione di detti interventi, nell’ottica di aumentare la qualità della vita e la sicurezza delle aree interessate.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

9 Dicembre 1987 secondo e ultimo giorno di votazioni del referendum che vieterà la produzione di elettricità tramite l'energia nucleare nel nostro Paese

Social

newFB newTwitter