Milano, 30 agosto 2019   |  

Milano cittadini ostaggi del degrado

Continuano segnalazioni all'assessore di Regione Lombardia, Riccardo De Corato e alla Polizia Locale di discariche abusive e di accampamenti per le strade. I milanesi chiedono multe per arrivare ai sequestri dei camper

rifiuti2

Continuano le segnalazioni da parte dei residenti al Vice-Sindaco Scavuzzo e alla Polizia Locale di chi si trova ad avere a che fare con la zona di via Medici del Vascello e via Pestagalli. Anche oggi, venerdì 30 Agosto, con tanto di fotografie, sono arrivate puntuali le esasperate segnalazioni dei cittadini: la carovana è tornata e le strade sono discariche a cielo aperto.

Si tratta di una situazione che va avanti da ormai molto tempo, ma, nonostante ciò, da parte del Comune nessun intervento concreto. Ogni tanto la Polizia Locale procede con allontanamenti che si dimostrano solo temporanei, in quanto nel giro di poche ore camper e roulotte sono nuovamente al loro posto di partenza. Le richieste d’intervento e le segnalazioni dei cittadini continuano ad essere ignorate, quasi come fossero loro a dar fastidio.

Roulotte, panni stesi e cumuli di sporcizia. Non è molto chiaro come mai i milanesi debbano pagare la tassa dei rifiuti e alle carovane tutto, nella completa mancanza di controlli, è concesso.

E' bene ricordare l'esistenza di un’ordinanza del ’86 del sindaco Tognoli, secondo la quale è vietato campeggiare in pubblica via e grazie alla quale noi abbiamo sempre cacciato chi si accampava con roulotte e camper lungo le strade, e dell'articolo 185 del codice della strada secondo il quale «La sosta delle autocaravan, dove consentita, sulla sede stradale non costituisce campeggio, attendamento e simili se l'autoveicolo non poggia sul suolo salvo che con le ruote, non emette deflussi propri, salvo quelli del propulsore meccanico, e non occupa comunque la sede stradale in misura eccedente l'ingombro proprio dell'autoveicolo medesimo», conclude Riccardo De Corato, ex vice Sindaco di Milano e assessore alla Sicurezza, Polizia Locale e Immigrazione di Regione Lombardia.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newFB newTwitter