Milano , 09 marzo 2017   |  

Ludopatia, fenomeno diffuso anche tra i giovanissimi

L'asssssore Gallera "un cittadino su quattro ha giocato d'azzardo"

gioco h partb

"La gestione della cronicita' anche in casi di pazienti affetti da ludopatia e' importante, e grazie all'applicazione della nostra nuova legge di riforma del sistema socio sanitario riusciremo a realizzarla in modo efficace, ma l'azione di Regione Lombardia per questo fenomeno, diffuso anche tra i giovanissimi, mira soprattutto alla prevenzione". E' quanto afferma l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in occasione del convegno 'Gioco d'azzardo patologico', organizzato, questa mattina, a Palazzo Pirelli, dall''Istituto di Neuroscienze del Consiglio nazionale delle Ricerche.

"Purtroppo siamo di fronte a dati preoccupanti. Il report 2016 del Sistema integrato analisi e previsione abuso e dipendenze, che costituisce uno strumento di analisi a supporto dell'azione di programmazione e prevenzione delle politiche regionali, evidenzia che in Lombardia un cittadino su quattro ha giocato d'azzardo (videopoker, casinò, slot machine, lotto/superenalotto, gratta e vinci, Video lottery), persino nelle fasce under 18 anni. Un fenomeno che aumenta con il crescere dell'età". I dati delle ricerche Hbsc (Health behaviour in school-aged children, comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), svolte ogni 4 anni, in collaborazione con l'Ufficio regionale dell'organizzazione mondiale della sanita' per l'Europa - ha evidenziato il titolare regionale in materia sanitaria - mostrano, infatti, che nel 2013 il 41,3% degli studenti lombardi ha praticato, almeno una volta, giochi in cui si puntano soldi, in particolare i maschi (50,7 per cento contro il 32,2 per cento delle ragazze). Le prevalenze aumentano progressivamente con il crescere dell'eta' (dal 34,3% dei 15enni al 50,3% dei 19enni)".


Grazie alla legge regionale contro la ludopatia  si è messo in campo iniziative importanti che contiamo possano contribuire a contenere l'espansione di un fenomeno che ha già fatto troppe vittime.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Gennaio 1564 il Concilio di Trento pubblica le sue conclusioni nel Catechismo Tridentino, stabilendo una distinzione tra cattolicesimo e protestantesimo

Social

newFB newTwitter