Sondrio , 27 marzo 2020   |  

Lombardia diminuisce pressione nei Pronto Soccorso

Su richiesta dei medici di medicina generale, unita' speciali di continuita' assistenziale (USCA) andranno a visitare i pazienti, li sorveglieranno o stabiliranno, se necessario, collocarli in degenze di sorveglianza quando non possono essere sorvegliati al proprio domicilio.

washing hands 4940196 640

«I dati sono ancora un po' alti, ma in linea con quelli di ieri». Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta sulla pagina di Lombardia Notizie Online per fare il punto sull'emergenza coronavirus.

Il collegamento di oggi si e' aperto con la testimonianza del giornalista monzese Carlo Gaeta, ricoverato all'ospedale di Legnano in quanto colpito da Covid-19, che ha raccontato la sua esperienza, ringraziando l'ottimo lavoro svolto da medici e infermieri e ha invitato tutti i cittadini a rispettare le regole per sconfiggere al piu' presto il virus. «Il mio percorso - ha detto Gaeta - e' la testimonianza concreta di come il Coronavirus puo' essere sconfitto».

«C'e' pero' un elemento confortante - ha aggiunto Gallera - continua a ridursi la pressione sui Pronto Soccorso. Al Policlinico San Matteo di Pavia abbiamo registrato addirittura una riduzione degli accessi del 30% e, a Lodi, il numero di pazienti che hanno fatto accessi per problemi non connessi al Covid-19 e' piu' alto del numero dei pazienti Coronavirus».

«Gli sforzi che stiamo compiendo oggi - ha detto ancora - stanno danno risultati misurabili, ossia che negli ospedali si comincia  lentamente ad allentare la pressione, a partire dai punti di accesso dei malati».

«Sull'altro fronte, stiamo rafforzando in maniera significativa l'attivita' sul territorio per prenderci cura di quelle persone cosiddette 'paucisintomatiche', recependo una direttiva nazionale che ha accolto le richieste dei medici di base di maggiore tutela, affiancando loro dei pool di assistenza domiciliare. Anche in Lombardia - ha puntualizzato - stiamo dunque procedendo a rimodulare l'assistenza domiciliare integrata su un modello di ADI Covid-19».

Su richiesta dei medici di medicina generale, unita' speciali di continuita' assistenziale (USCA) andranno a visitare i pazienti, li sorveglieranno o stabiliranno, se necessario, collocarli in degenze di sorveglianza quando non possono essere sorvegliati al proprio domicilio.

«Da 36 giorni - ha concluso Gallera - con un'intensita' pazzesca, insieme ai medici e agli infermieri, lavoriamo senza sosta per sconfiggere il virus. Apriamo posti di terapia intensiva, riconvertiamo ospedali per offrire a tutti i pazienti, come il giornalista Carlo Gaeta, di poter tornare a respirare e a vivere normalmente».

Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti:  i casi positivi sono: 37.298 (+2.409) giovedì 26 Marzo  34.889 (+2.543) l'altro ieri: 32.346 (+1.643).  I deceduti: 5.402 (+541) ieri: 4.861 (+387); i dimessi e in isolamento domiciliare 19.467 (+1.356);  in terapia intensiva: 1.292 (+29);  i ricoverati non in terapia intensiva: 11.137 (+456). I  tamponi effettuati  95.860, ieri 87.713.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

29 Maggio 1886 il farmacista John Pemberton inizia a pubblicizzare la Coca-Cola

Social

newFB newTwitter