Milano , 12 settembre 2017   |  

Lingua dei Segni Italiana approvato piano triennale regionale

Questa delibera scaturisce da una legge, la nr 20/2016, approvata in Regione Lombardia, per il riconoscimento della lingua dei segni (Lis). Regione Lombardia, nella carenza di una legge nazionale, e' stata la prima ad investire su questo strumento di comunicazione assolutamente importante e fondamentale

Lingua dei segni 780x353

L'assessore regionale al Reddito di Autonomia, Inclusione Sociale e Post Expo Francesca Brianza, lunedì 11 Settembre,  dopo la Giunta, ha illustrato l'approvazione del piano triennale regionale della "Lingua dei segni Italiana".

«Questa delibera scaturisce da una legge, la nr 20/2016, approvata in Regione Lombardia, per il riconoscimento della lingua dei segni (Lis). Regione Lombardia, nella carenza di una legge nazionale, è stata la prima ad investire su questo strumento di comunicazione assolutamente importante e fondamentale». Così l'assessore regionale al Reddito di Autonomia, Inclusione Sociale e Post Expo Francesca Brianza, nel corso della conferenza stampa dopo Giunta, per illustrare l'approvazione del piano triennale regionale del Linguaggio dei Segni.

Dal 2016 ad oggi, prosegue l'assessore Brianza,  ci siamo concentrati su tre filoni: l'accessibilità e la fruibilità per le persone disabili alle strutture ospedaliere con particolare attenzione all'accoglienza medica e alla gestione delle emergenze, la sensibilizzazione della Lis/Lis tattile presso il sistema educativo di istruzione e la promozione della comunicazione e dell'informazione delle persone disabili attraverso il potenziamento del progetto "SpazioDisabilità", piattaforma di Regione Lombardia per l'accessibilità e la fruibilità del territorio e dei suoi servizi".

«Anche in questo caso - rileva Brianza - abbiamo cercato di cogliere quelle che erano le esigenze del territorio e di superare le difficoltà che spesso si incontrano lungo il percorso mettendo in campo progetti mirati per facilitare la comunicazione, l'apprendimento, l'inserimento scolastico degli alunni con disabilità uditiva". "Abbiamo voluto quindi rivolgere particolare attenzione alla Lis - conclude l'assessore - riconoscendo l'importanza della lingua dei segni come strumento fondamentale per favorire l'inclusione e l'apprendimento delle persone con disabilità uditiva».

I destinatari della manovra sono persone non udenti che accedono alle strutture ospedaliere: accoglienza medica e gestione delle emergenze; alunni non udenti della scuola del primo ciclo-scuola primaria e scuola secondaria di primo grado- statali e paritarie e tutte le persone non udenti che accedono ai servizi di comunicazione e informazione di Regione Lombardia.

Relativamente alla linea d'azione 2, "Sensibilizzazione alla Lis/Lis tattile presso il sistema educativo di istruzione", sono previste le seguenti azioni e investimenti: Progetti di didattica inclusiva nell'ambito delle scuole statali e paritarie del primo ciclo, anno scolastico 2017/2018. Questo intervento sarà sostenuto con risorse pari ad euro 170.000. Con la DGR n. 5879/2016 è stato normato l'intervento di implementazione dei percorsi di accoglienza medica per disabili presso gli ospedali (Azione n. 1) con messa a disposizione di risorse pari ad euro 80.000. Per quanto riguarda, infine, l'azione n. 3, (promozione della comunicazione e dell'informazione a favore di persone con disabilità), sono stati stanziati euro 800.000 per il triennio 2017/2020 all'interno del progetto SpazioDisabilità.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Novembre 1963 omicidio del presidente degli Stati Uniti, John F. Kennedy. Il presunto assassino Lee Harvey Oswald viene ucciso a colpi di pistola da Jack Ruby, a Dallas, in diretta televisiva poche ore dopo l'arresto.

Social

newFB newTwitter