Sondrio , 13 marzo 2018   |  

Lavori notturni statale 42 “del Tonale e della Mendola”

La limitazione consentirà di provvedere alla manutenzione ordinaria degli impianti tecnologici installati all’interno delle gallerie ‘Lovere’ e ‘Costa Volpino’

lavori notturni

Per consentire i lavori di manutenzione periodica ordinaria degli impianti tecnologici installati nelle gallerie, saranno istituite limitazioni al transito lungo la statale 42 “del Tonale e della Mendola”, nel solo orario notturno compreso fra le ore 21 e le ore 5 del giorno successivo.

Lungo la strada statale 42 "del Tonale e della Mendola", saranno infatti chiuse al transito, nel solo orario notturno, le gallerie ‘Lovere’ e ‘Costa Volpino’, tra il km 59,500 e il km 65,900, nell’ambito dei territori comunali di Lovere e Costa Volpino, nella provincia di Bergamo, dalle ore 21 di mercoledì 14 Marzo alle ore 5 di giovedì 15 marzo 2018 e dalle ore 21 di giovedì 15 Marzo alle ore 5 di venerdì 16 Marzo 2018.

Durante le ore di chiusura la viabilità sarà deviata lungo la rete viaria comunale e provinciale mediante segnaletica provvisoria apposta in loco. Nello specifico, per i veicoli in direzione nord (Bergamo-Edolo) con massa a pieno carico inferiore alle 6,5 tonnellate è prevista l’uscita allo svincolo di Lovere, al km 59,500, mentre per i veicoli in direzione sud (Edolo-Bergamo) è prevista l’uscita al km 66,800.

Per i veicoli diretti a nord (Bergamo-Edolo) con massa superiore alle 6,5 tonnellate la viabilità alternativa prevede l’uscita obbligatoria allo svincolo di San Paolo D’Argon, al km 35,500, e successivo indirizzamento sulle ex strade statali 510, XI, XII, 469 e 91, mentre per i veicoli in direzione sud (Edolo-Bergamo) è prevista l’uscita allo svincolo di Brescia Pisogne Iseo, al km 67,500.

La viabilità alternativa è individuata sulla base del divieto di transito, all’interno del perimetro urbano del Comune di Lovere, ai veicoli con massa superiore alle 6,5 tonnellate.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newFB newTwitter