Sondrio , 17 aprile 2019   |  
Cultura   |  Salute

Cucchi: in ottanta pagine la mia sanità di montagna

Il cardiologo sondriese ha raccolto in una pubblicazione la sua esperienza, accompagnata da alcune proposte, maturata in trentasei anni di attività all'ospedale di Sondrio

IMG 20190417 WA0006 3

E’ un vero e proprio atto d’amore per la propria terra e i propri concittadini questo libro “Sanità di montagna” del dottor Gianfranco Cucchi che, da credente e perfetto gentiluomo quale è, ha stabilito di devolvere il ricavato della pubblicazione alla costruzione dell’oratorio parrocchiale salesiano San Rocco e alla parrocchia Beata Vergine di Sondrio.

Nel testo come spiega il sottotitolo, sono raccolti gli “Appunti e proposte per la Valtellina e la Valchiavenna” che il dottor Cucchi, specialista in cardiologia e medicina preventiva ha raccolto in trentasei anni di attività presso l’ospedale di Sondrio.

“Sanità di montagna” è il più recente lavoro firmato dal medico sondriese già noto negli ambienti scientifici di ricerca clinica cardiovascolare italiani ed esteri come autore di due apprezzati studi: “Sistema sanitario in ambiente montano” e “Stile di vita e qualità della salute nelle popolazioni montane di Valtellina e Valchiavenna”.

A costo di apparire a tratti pesante l’Autore non tralascia di sviluppare il suo pensiero appoggiandosi alle tante leggi e regolamenti che disciplinano un settore tanto delicato quanto importante com’è la salute, per tutte le persone.

Il sentimento che si irradia in tutti i capitoli del libro è ben espresso dalla frase di Papa Francesco che il dottor Cucchi ha voluto fare propria evidenziandola in copertina: “La credibilità di un sistema sanitario non si misura solo per l’efficienza ma soprattutto per l’amore verso le persone la cui vita è sacra e inviolabile”.

Il libro sarà presto reperibile nella parrocchia dei Salesiani di Sondrio. (a.com.)

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newFB newTwitter