Sondrio, 23 novembre 2022   |  
Economia   |  Cronaca

In BPS ci si interroga su “Sviluppo economico e sistema bancario”

Il 2 Dicembre in sala Besta, nella sede centrale della Banca, un convegno sull'importante tema con la partecipazione di esperti

AAQQCroppedImage720439 aaCroppedImage720439 17 IMG2856

Incontro in Sala Besta (foto archivio Valtellinanews)

È adeguato il nostro attuale sistema bancario a sostenere lo sviluppo economico e soprattutto lo sviluppo economico dei territori?

È questa la domanda cui cercherà di rispondere il convegno “Sviluppo economico e sistema bancario”, che si svolgerà il prossimo 2 Dicembre nella Sala Besta della Banca Popolare di Sondrio, in cui autorevoli esperti e docenti universitari di economia, finanza d’impresa, diritto e tecnica bancaria (Stefano Zamagni, Marco Onado, Rosa Cocozza, Alfonso Scarano e Andrea Calamanti), coordinati da Gianfranco Fabi, già vicedirettore del Sole 24 ore, faranno il punto sull’attuale contesto economico nazionale e internazionale e sul ruolo che in esso sono oggi chiamate a svolgere le banche e, in particolare le banche di territorio.

Organizzato dalla Società “Vitale Zane & Co”, il convegno rientra nelle tradizionali “Giornate di studio” periodicamente promosse dalla Banca Popolare di Sondrio con interventi di alto livello su temi di rilievo nazionale che rientrano negli interessi di una tipica banca di territorio come la Bps.

Da qui il previsto intervento al convegno di un imprenditore valtellinese dalla vasta esperienza internazionale come il bormino Giacomo Pedranzini, amministratore delegato di “Kometa 99” e promotore del progetto europeo “Honestfood”, e le conclusioni dello stesso convegno affidate a Mario Alberto Pedranzini, direttore generale e consigliere delegato della Banca Popolare di Sondrio, oltre che vicepresidente dell’Associazione Bancaria Italiana e dell’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

31 Gennaio 1963 il Friuli Venezia Giulia diventa regione autonoma a statuto speciale, come previsto dall'art. 116 della Costituzione

Social

newFB newTwitter