Sondrio , 17 luglio 2019   |  

Genitori e adolescenti. Il manuale del Pronto Soccorso

di Gabriella Stucchi

Un libro che pone domande su cui riflettere per poi mettere in pratica i consigli nella vita quotidiana.

genitori e adolescenti

L’autrice Federica Benassi, videoblogger, esperta di comunicazione in famiglia, tratta l’argomento con immediatezza, come se fosse accanto al lettore per dialogare insieme, anche con tocchi di sana ironia.

L’inizio è dedicato ai genitori, a cui subito suggerisce quattro regole: la coerenza, le buone maniere, non criticare, unire autorità e affetto. Mette poi in rilievo tre atteggiamenti del genitore: l’”autoritario”, sconsigliato, perché crea rabbia negli adolescenti; “permissivo”, sconsigliato perché i figli credono che tutto sia dovuto; “autorevole”, consigliato, perché sottintende una relazione di fiducia, stima e affetto.
Suggerisce di coltivare negli adolescenti l’”autostima”, che permetterà di superare ostacoli di ogni genere, ascoltandoli, comunicando con loro, aiutandoli a scoprire le loro passioni.
Altra nota interessante dell’autrice è quella di insegnare ai figli ad affrontare le difficoltà e superare gli ostacoli, che siano proporzionati all’età. Questo con un atteggiamento sereno, tranquillo, paziente, che incuta fiducia e sicurezza in chi ascolta. Si crea così un’empatia, che permette di immedesimarsi nei figli e di condividerne i problemi. È assai utile anche dialogare, esprimere il proprio affetto attraverso le parole (“Ti voglio bene”), ed anche saper chiedere “scusa”.

La seconda parte del libro è dedicata agli adolescenti, di cui l’autrice sottolinea quattro fasi (11-12 anni; 13-14 anni; 15-16 anni; 17-18 anni), indicando i cambiamenti fisico-psicologici che si verificano e soffermandosi soprattutto sull’ultima fase. L’autrice richiama la necessità di avere una buona relazione con i figli, partendo dalla fiducia, dall’incoraggiamento, dal passare tempo insieme.

Bisogna riconoscere loro dei diritti, ad esempio scegliersi l’abbigliamento, scegliere la scuola, ascoltandoli. I figli hanno però anche dei doveri, in primo luogo rispettare i doveri scolastici, per cui bisogna esortarli ad una responsabilità, al rispetto delle regole. Inoltre bisogna aiutarli ad accettare i propri pregi e i propri difetti; a comprendere le loro paure, per poterle gestire meglio; a concentrarsi sulle proprie capacità , senza lasciarsi condizionare dalle critiche.

Molto precisi i consigli dell’autrice nel caso dell’innamoramento dei figli: non ridicolizzare il sentimento; evitare pettegolezzi e battutine; non essere invadenti; coltivare il dialogo, costruendo un rapporto di fiducia.

La scuola è l’argomento delle terza parte del libro, dove è posto in primo luogo il “dilemma” dei compiti delle vacanze (per cui, tra l’altro, l’autrice suggerisce agli insegnanti di trovare le dosi giuste!). Programmare insieme ai figli l’impegno quotidiano, lasciando spazio anche per lo svago, invitando anche alla lettura di qualche libro sono principi essenziali.

I problemi relativi all’uso del cellulare e di WhatsApp va affrontato, dice l’autrice, attraverso un dialogo in cui si chiariscano i rischi che corrono facendo un uso improprio del telefono e dei social. Da qui si potranno stabilire regole di comune accordo sull’utilizzo dei mezzi di comunicazione, tra cui anche internet e videogiochi. Essenziale è trasmettere l'amore per la lettura, anche portando i figli in biblioteca, perché possano scegliere quello che più li attira.

Il rientro a scuola per i ragazzi è un momento di disagio, che si esprime non solo con l’ansia, ma anche con la tensione, la tristezza...Lo stare accanto da parte dei genitori, con qualche gesto di condivisione, come comprare assieme il materiale scolastico, può rendere meno duro l’impatto, anche esortando a praticare lo sport preferito.

Lo stesso clima di vicinanza e di condivisione si deve creare nei momenti più delicati, come per esempio alla viglia dell’esame di maturità: alimentare fiducia nelle capacità dello studente e non opprimerlo con continue domande sul lavoro compiuto o da fare.
Lasciare piena libertà, confidando nella sua responsabilità.

In ogni caso, le più belle manifestazioni di amore tra genitori e figli sono l’ascolto, la comprensione ed anche l’abbraccio, che aumenta l’autostima, rilassa e trasmette le emozioni più profonde, soprattutto se è accompagnato da un “Ti voglio bene!”.

Una lettura molto piacevole e insieme molto utile, che riporta normali vicende quotidiane da cui traspare sempre un insegnamento sia per giovani sia per adulti, così da vivere con responsabilità il delicato periodo adolescenziale, in vista della successiva maturazione, sul piano psicologico, culturale, sociale.

Federica Benassi – Genitori e adolescenti” Paoline – euro14.00

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter