Milano , 03 gennaio 2020   |  

Carabinieri, Lombardia un anno di attività

Le principali operazioni del 2019 mese per mese dei Carabinieri del Comando Provinciale di Milano

carabinieri valtesondrio como

29 Gennaio 2019 – Incendio doloso - I Carabinieri della Compagnia di Legnano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 5 italiani, tra i 30 ed i 50 anni. I 5, esecutori materiali, palo e complici, si erano introdotti all’interno di una pasticceria sfondando una porta a vetri e, dopo aver rubato l’incasso, avevano incendiato il locale utilizzando del liquido infiammabile.

29 Gennaio 2019 – Droga – I Carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese coadiuvati da quelli della Stazione di Paullo hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, un 32enne marocchino bloccato mentre si trovava a bordo della propria auto e trovato in possesso di circa 500 gr. di cocaina occultati nella tappezzeria del tettuccio del veicolo. Una successiva perquisizione domiciliare permetteva di rinvenire la somma in contanti di euro 11.000,00, provento dell’attività di spaccio.

30 Gennaio 2019 – Operazione “HEAVY FUEL” – Sgominato dai Carabinieri di Corsico un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti in aziende site in tutto il nord Italia. Sono stati 5 gli arresti in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano. L’indagine, svolta dalla Sezione Operativa del N.O.R. della Compagnia di Corsico unitamente alla Stazione di Trezzano sul Naviglio, partita a seguito di segnalazione in merito alla presenza sistematica e quotidiana, nell’arco notturno, di autovetture sospette all’interno di un distributore di carburante di Trezzano sul Naviglio, ha permesso di ricostruire le dinamiche e la minuziosa organizzazione della banda in cui ogni indagato ricopriva un compito ben specifico; in totale sono stati scoperti 20 furti consumati e tentati.

13 febbraio 2019 – Rapine a pensionate– I Carabinieri del N.O.R. della Compagnia di San Donato Milanese, al termine di un’articolata attività investigativa coordinata dalla Procura di Lodi, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 50enne italiano che, dal settembre 2018 al gennaio 2019, risultava aver commesso varie rapine e scippi tra Peschiera Borromeo, Paullo e San Giuliano Milanese, scegliendo come vittime solo donne anziane. L’arrestato era diventato il terrore delle pensionate della zona ed agiva a volto scoperto con particolare violenza e crudeltà.

26 febbraio 2019 – Omicidio– I Carabinieri della Tenenza di Rozzano, al termine di immediate attività di indagine eseguite a seguito dell’omicidio di un soggetto 64enne avvenuto il 25.02.2019 hanno dato esecuzione ad un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Milano nei confronti di due soggetti ritenuti responsabili del citato delitto. Il provvedimento è frutto di meticolose e approfondite investigazioni espletate mediante tecniche tradizionali delineando in modo incontrovertibile le responsabilità dei due soggetti. Il movente è stato individuato in una forma di vendetta di uno dei fermati verso la vittima, suo ex suocero, indagato per violenza sessuale della figlia.

5 marzo 2019 – Operazione “Kings”– I Carabinieri della Compagnia di Abbiategrasso hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 9 minorenni, tutti italiani e della provincia di Milano, appartenenti ad un unico gruppo criminale, o baby gang, autori di percosse, lesioni, minacce, rapine ed estorsioni, commesse sia in danno di coetanei che di maggiorenni. Le indagini hanno permesso di accertare che il “branco” era responsabile di 11 differenti episodi avvenuti da luglio a novembre 2018 e che tutte le aggressioni erano frutto di una precisa pianificazione ed organizzazione.

5 marzo 2019 – Tentato omicidio – I militari del Nucleo Investigativo di Milano hanno arrestato, in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, due italiani di 36 e 45 anni responsabili del tentato omicidio, commesso in piazza Gasparri a Milano, nella mattina dell’11 settembre 2018. Lo scontro a fuoco era scaturito da una lite avvenuta poco prima tra gli autori e la vittima, nel corso della quale uno dei due arrestati era rimasto ferito.

6 marzo 2019 – Operazione “Paranza”- Sgominata dai Carabinieri della Compagnia Milano Duomo un sodalizio criminale composto da giovani e giovanissimi, 9 sono i minorenni arrestati e 5 i maggiorenni fermati, che “in branco” commettevano rapine, perlopiù in centro ed in prevalenza nella zona dell’Arco della Pace, ai danni di coetanei ritenuti più vulnerabili per età, sesso, costituzione o perché si trovavano in una zona isolata.

9 marzo 2019 – Truffe anziani – Arrestati dai Carabinieri della Tenenza di Paderno Dugnano e della Stazione di Brugherio, 4 italiani, una donna e 3 uomini di età compresa tra i 27 ed i 59 anni, con numerosi precedenti per reati analoghi, responsabili di almeno 8 episodi di truffa ai danni di anziani avvenuti dal mese di maggio 2018. Seguendo un consolidato modus operandi, i quattro si avvicinavano alle anziane vittime in prossimità delle loro abitazioni e, fingendosi vicini di casa o tecnici dell’acqua, le sorprendevano e distraevano per poi impossessarsi dei loro beni.

20 marzo 2019 – Assalti a portavalori e rapine in banca – Smantellato dai Carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese un pericoloso sodalizio criminale composto da 3 pregiudicati di 45, 49 e 51 anni, responsabili di un assalto armato ad un furgone portavalori avvenuto il 25 gennaio a Peschiera Borromeo, nel corso del quale esplodevano un colpo di fucile al finestrino frontale del conducente ed applicavano una finta carica esplosiva a quello laterale e riuscivano ad asportare circa 30.000 euro ed una pistola appartenente ad una delle guardie. Due di loro erano poi autori di una rapina in banca a Casalpusterlengo, durante la quale avevano minacciato con un taglierino gli impiegati e si erano fatti consegnare 40.000 euro.

20 marzo 2019 – Tentata strage 51 studenti – SY Ousseynou, 47enne senegalese, autista di una società di trasporti, aveva  prelevato 51 studenti tra i 12 ed i 13 anni unitamente a due insegnanti ed una collaboratrice scolastica, tutti della scuola media “Vailati” di Crema. Nel corso del tragitto deviava dal percorso previsto imboccando la strada provinciale “paullese” in direzione di Milano, bloccando la portiera anteriore con un lucchetto e mostrando una pistola ed un coltello. Costringeva poi un’insegnante a legare alcuni studenti ai braccioli con delle fascette e cospargeva l’interno del pullman con un liquido infiammabile. All’altezza di Zelo Buon Persico uno dei ragazzi e successivamente un’insegnante, riuscivano a contattare il 112 permettendo a vari equipaggi di intercettare l’autobus e riuscendo a fermarne la corsa dopo un inseguimento e vari tentativi di speronamento da parte di quest’ultimo. Alcuni militari riuscivano quindi ad aprire la porta posteriore e frantumare i finestrini laterali, riuscendo ad evacuare parte dei passeggeri; accorgendosi di quanto stava accedendo il senegalese provocava un incendio all’interno del mezzo ma tutti i passeggeri venivano tratti in salvo prima che le fiamme distruggessero completamente l’autobus.

23 aprile 2019 – Esplosioni bancomat – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano hanno tratto in arresto 5 italiani responsabili di due distinte esplosioni di bancomat avvenute nei Comuni di Luisago (CO) e Solaro (MI) con un bottino complessivo di euro 91.000.

13 maggio 2019 – Furto aggravato – Nelle province di Milano e Torino, i Carabinieri della Compagnia di Corsico hanno tratto in arresto 6 persone, di cui una donna, di età compresa tra i 39 ed i 19 anni, nullafacenti e di etnia rom, responsabili del reato di furto aggravato consumato presso la villa di proprietà di un cittadino cinese, dirigente della Huawei Italia, avvenuto nel Comune di Trezzano sul Naviglio nella nottata del 25 dicembre del 2018. I soggetti, previa effrazione della cancellata posta a protezione della finestra della cucina, si erano introdotti all’interno dell’abitazione asportando un ingente quantitativo di gioielli, denaro contante, vestiti ed accessori griffati per un valore di circa 100.000 euro dandosi poi alla fuga all’arrivo dei proprietari.

31 maggio 2019 – Detenzione di armi – I Carabinieri del N.O. della Compagnia Milano Duomo hanno arrestato un uomo di 51, notato percorrere ad alta velocità a bordo di uno scooter via Mac Mahon a Milano e fermarsi con fare sospetto. All’atto del controllo veniva trovato in possesso di un involucro di cellophane contenente 103 gr. di cocaina e di una pistola Beretta con 21 proiettili, provento di furto. I militari si recavano quindi presso la sua abitazione, dove veniva rintracciata la convivente 34enne, e con l’ausilio del Nucleo Cinofili, venivano rinvenute 5 pistole, una carabina, un giubbotto antiproiettile, un paio di manette, 320 gr. di cocaina, 130 di hashish, 3 coltelli a serramanico, 4 bilancini di precisione e la somma contante di 1560 euro.

1 giugno 2019 – Operazione “Tocomocho bis” – I Carabinieri della Compagnia di Rho hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 14 persone responsabili di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine in abitazione. Le indagini, avviate dalla citata Compagnia nel gennaio 2018, hanno portato in un primo momento, il 20 novembre 2018, all’esecuzione di 28 misure cautelari e successivamente di accertare la commissione di ulteriori 43 episodi di rapine in abitazione perpetrate, da parte del medesimo gruppo criminale, mediante l’utilizzo della tecnica del “tocomocho” ovvero una pratica molto diffusa nei Paesi del Sudamerica che comporta un’iniziale avvicinamento alle vittime, donne sole e anziane, in strada per poi indurle a consegnare, in una fase successiva, denaro o gioielli, limitandone le capacità cognitive mediante tecniche di ipnosi o stordendole con l’utilizzo della “scopolamina” (detta droga “dell’alito del Diavolo”), farmaco alcaloide allucinogeno.

1 luglio 2019 – Operazione Antimafia “Krimisa” – I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 34 persone ritenute responsabili di associazione per delinquere di tipo mafioso, danneggiamento a seguito di incendio, estorsione, violenza privata, lesioni personali aggravate, minaccia, detenzione e porto abusivo di armi, detenzione di sostanze stupefacenti, truffa aggravata ai danni dello Stato, intestazione fittizia di beni ed accesso abusivo ad u sistema informatico o telematico. L’indagine, avviata nell’aprile 2017 e coordinata dalla DDA di Milano, ha consentito di accertare che l’organizzazione era stata in grado di infiltrare gli apparati istituzionali e che, dalla seconda metà del 2016, era in corso un processo di ridefinizione degli assetti organizzativi della locale di ‘ndrangheta di Legnano – Lonate Pozzolo, a seguito della scarcerazione di due esponenti apicali della medesima consorteria criminale in forte contrasto tra loro.

25 luglio 2019 – Operazione “SANGUEBLU”- I militari del Comando Provinciale di Milano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 13 persone, ritenute - a vario titolo - responsabili di associazione finalizzata al traffico di cocaina e spaccio. Le indagini - che nascono dall’irruzione di un commando composto da 9 persone, alcune delle quali travisate ed armate di pistola e fucile, nel capannone della carrozzeria “ e successivo pestaggio del conduttore - hanno consentito di comprendere come l’episodio delittuoso fosse riconducibile ad una faida tra gruppi criminali, insorta per contrasti sul controllo dello spaccio di cocaina su una vasta zona di Milano (in particolare nei quartieri di Comasina e di Quarto Oggiaro) e per debiti contratti per la compravendita dello stupefacente. L’attività investigativa ha documentato l’esistenza e la piena operatività di un’associazione dedita al traffico di cocaina, che smerciava circa 1 kg. di droga a settimana, utilizzando basi logistiche per il deposito ed il confezionamento dello stupefacente che veniva consegnato a domicilio a clienti dimoranti nel comune.

27 luglio 2019 – Operazione “CASE SICURE” – I militari del Comando Provinciale di Milano in esecuzione di un fermo di indiziato di delitto emesso dal P.M. della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Monza, hanno arrestato 17 persone ritenute a vario titolo responsabili di furto in abitazione in concorso, tentato omicidio, ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni. Le indagini, svolte dalla Tenenza di Paderno Dugnano e delle Sezioni Operative dei N.O.R. delle Compagnie di Sesto San Giovanni ed Abbiategrasso, hanno consentito di smantellare tre gruppi criminali che si erano resi autori di 57 furti in abitazione consumati e tentati in diverse Province lombarde. I soggetti erano soliti darsi appuntamento nei parcheggi del Centro Commerciale “Brianza” prima di effettuare i furti. Durante un’azione criminosa un autovettura di uno dei gruppi al fine di guadagnare la fuga ha tentato di investire due carabinieri intervenuti per bloccarli. Durante le attività sono state sequestrate due pistole di provenienza furtiva, numerosi attrezzi da scasso, radio soldi contanti e ed altra refurtiva.

8 Agosto 2019 – Droga – I Carabinieri della Stazione di Corsico, durante mirato servizio hanno arrestato due coniugi italiani per spaccio di sostanza stupefacente. Dopo aver riscontrato numerose cessioni di dosi di cocaina nei pressi dell’abitazione dei soggetti, gli operanti hanno effettuato una perquisizione a seguito della quale venivano rinvenuti 100 grammi di cocaina e 1.000 euro in contanti..

17 Agosto 2019 – Maltrattamenti in famiglia - I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Milano, hanno arrestato due fratelli per maltrattamenti in famiglia verso la loro madre. I militari intervenivano, su richiesta di alcuni vicini di casa, presso un abitazione di Milano ove era in corso un’accesa lite tra i due ragazzi che era sfociata in vari danneggiamenti. Nel corso della lite uno dei due aveva anche percosso la madre, che si era frapposta tra di loro. Alla vista dei militari i due fratelli proferivano insulti nei loro confronti, ostacolando fisicamente le operazioni, finché venivano immobilizzati ed arrestati.

22 Agosto 2019 – Stalking – Bloccato dai militari della Stazione di Senago un 50enne italiano che, dopo aver effettuato reiterate minacce verbali e scritte, molestie e lesioni personali nei confronti della ex compagna, si era appostato nei pressi della sua autovettura. Il soggetto al momento del fermo veniva trovato in possesso di un coltello da cucina.

23 Agosto 2019 – Maltrattamenti in famiglia – I Carabinieri della Stazione di Castano Primo hanno arrestato un 47enne per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione. I militari sono intervenuti a Turbigo (MI) ove era stata segnalata una lite in famiglia. L’immediato intervento ha consentito di bloccare il soggetto che stava picchiando la madre al fine di farsi consegnare del denaro. Alla vista dei militari il soggetto non ha desistito scagliandosi invece contro uno degli operanti, venendo però immobilizzato dopo una colluttazione. A seguito dell’arresto è emerso un grave quadro di convivenza che vedeva la donna vittima di soprusi, minacce e percosse mai denunciate prima.

17 Settembre 2019 – Tentato Omicidio Militare Esercito – I militari della Compagnia Milano Duomo unitamente a quelli del 3° Rgt. Carabinieri Lombardia, hanno arrestato un soggetto yemenita il quale, gridando “Allah Akbar”, aveva colpito al collo con un paio di forbici un Caporale Magg. Scelto dell’Esercito Italiana in servizio per operazione “Strade Sicure” in piazza Duca D’Aosta. I militari, subito accorsi, bloccavano il soggetto neutralizzandolo e disarmandolo.

24 Settembre 2019 – Operazione “FISARMONICA” – Sgominato dai Carabinieri della Compagnia di Rho un gruppo criminale ben strutturato composto da individui di nazionalità italiana e marocchina dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona nord-ovest della città metropolitana di Milano ed in particolare in un’area boschiva non distante dal parco delle Groane. L’attività di indagine condotta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano ha portato all’arresto di 16 soggetti in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Milano.

7 Ottobre 2019 – Operazione “FEUDO”– Eseguita vasta operazione dei Carabinieri Forestali dei Gruppi di Milano, Lodi, Pavia, Torino, Napoli, Reggio Calabria e Catanzaro che hanno smantellato un sodalizio criminoso dedito al traffico illecito di rifiuti. In manette sono finiti 11 soggetti italiani destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare emessa da G.I.P. del Tribunale di Milano. Le indagini, dirette dalla D.D.A. di Milano e prosecuzione dell’Operazione “Fire Starter” dell’ottobre del 2018, hanno permesso di evidenziare dinamiche di più ampia portata individuando un’organizzazione criminale, capeggiata da soggetti di origine calabrese che, attraverso una struttura composta da impianti autorizzati e complici, trasportatori compiacenti, società fittizie intestate a prestanome e documentazione falsa, gestivano un ingente traffico di rifiuti urbani ed industriali provenienti da impianti campani che finivano in capannoni abbandonati del Nord Italia o interrati in Calabria.

5 Ottobre 2019 – Tentato Omicidio – I Carabinieri della Compagnia Milano Porta Magenta hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 46enne italiano responsabile di tentato omicidio di un ragazzo 16enne. Le indagini serrate condotte dalla Sezione Operativa del N.O.R. della Compagnia Milano P.ta Magenta sono riuscite a far luce su un’aggressione ai danni di minorenne avvenuta una settimana prima, in particolare si è accertato che l’aggressore era il padre di uno dei ragazzi del gruppo che aveva rimproverato il figlio credendo che lo stesso, insieme agli amici, tutti minorenni, stava tentando di rubare un’autovettura “Enjoy”. La vittima reagiva provocando l’uomo e venendo da questi aggredito e poi colpito all’addome con un coltello a serramanico.

6 Ottobre 2019 – Rapina – I Carabinieri del Comando Compagnia di Corsico hanno arrestato in flagranza 4 soggetti italiani responsabili di una rapina avvenuta poco prima ai danni di un centro scommesse ubicato a Magenta (MI). Nella circostanza i soggetti si erano introdotti nel centro scommesse esplodendo due colpi di arma da fuoco verso il soffitto costringendo il titolare a consegnare l’incasso di circa 20.000 euro. Gli stessi venivano poi rintracciati, grazie alle indicazioni sulla via di fuga fornite della Centrale Operativa di Abbiategrasso, a Cesano Boscone. A seguito del fermo e degli accertamenti venivano rinvenute 2 pistole ed un fucile a canne mozze unitamente a 6.000 euro in contanti.

11 Ottobre 2019 – Droga – I Carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Corsico durante controllo del territorio hanno tratto in arresto in flagranza un soggetto marocchino 26enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I militari, notando un’autovettura sospetta con due soggetti a bordo in sosta nel Comune di Cesano Boscone si affiancavano per effettuare il controllo ma il conducente si dava alla fuga. Dopo un inseguimento di  circa 4 km i militari costringevano i malviventi ad abbandonare l’auto e fuggire a piedi, riuscendo a bloccare uno dei due dopo breve colluttazione e recuperando in un corso d’acqua una borsa lanciata dal malvivente nei momenti della fuga. All’interno della borsa e successivamente dell’auto venivano rinvenuti 8 panetti di cocaina pura del peso di 1 kg ciascuno che avrebbe fruttato circa 2 milioni di euro.

8 Novembre 2019 – Operazione “Condor” – Vasta operazione del Comando Provinciale dei Carabinieri di Milano ha portato all’arresto in esecuzione di un’ordinanza di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli a carico di 51 persone, tutte ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti di truffa aggravata in danno di persone anziane, con l’aggravante per 14 di loro della finalità di favorire il clan camorristico “Contini”, articolazione della potente alleanza di Secondigliano, operante nei quartieri napoletani Vasto, Arenaccia, San Giovannello e Borgo Sant’Antonio Abate, e per 17 di loro della transnazionalità. L’attività nasce da un impegno investigativo, avviato nel febbraio 2016 dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano, a fronte di un verticale aumento dei delitti di truffa ai danni di anziani, per la cui commissione non di rado i malfattori ricorrevano alla figura del Carabiniere. Le indagini, coordinate dalla D.D.A di Napoli con la quale è stato condiviso l’obiettivo di comprendere a fondo organizzazione, meccanismi di funzionamento e referenti di una articolata associazione criminosa hanno consentito di fotografare il fenomeno criminale, di cui sono stati disvelati regia, ruoli, funzioni, basi, modalità organizzative ed esecutive e collegamenti.

9 Novembre 2019 – Duplice Omicidio – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano unitamente a personale della Compagnia Carabinieri di Legnano (MI), a conclusione di una mirata attività di indagine, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P di Milano, a carico di un 68enne ritenuto il responsabile dell’omicidio volontario delle sue due sorelle avvenuto il 13 aprile 2015 a mezzo incendio volontario dell’abitazione ove dormivano. Le indagini hanno consentito di ricondurre il movente a questioni di carattere economico - ereditario. 18 Novembre 2019 – Operazione “Condor 2” – I militari del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P del Tribunale di Milano, nei confronti di 5 italiani, ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti di truffa aggravata in danno di persone anziane. L’attività di indagine, avviata nel maggio 2017, ha consentito di individuare un gruppo criminale dedito alle truffe nei confronti di anziani, operante nel nord Italia, con base operativa in provincia di Milano e strettamente collegato, anche per vincoli parentali, ai vertici della macro associazione investigata nella citata operazione Condor. Questo gruppo criminale, infatti, portava a Napoli i monili in oro sottratti, dove poi li cedeva sfruttando i consolidati circuiti criminali.

19 Novembre 2018 – Omicidio – I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno arrestato due soggetti in esecuzione di un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. di Milano, responsabili dell’omicidio aggravato in concorso di Donato Carbone, avvenuto la sera del 16 ottobre 2019 a Cernusco sul Naviglio. Le indagini effettuate dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale e dirette dalla Procura di Milano, hanno consentito di individuare in una prima fase il mandante dell’omicidio, che aveva controllato a distanza l’azione omicida del killer per poi disfarsi delle armi utilizzate per l’omicidio gettandole nel naviglio Martesana e poi recuperate. In una seconda fase, facendo ricorso ad indagini tradizionali, i militari sono riusciti a risalire all’esecutore materiale del delitto. Il movente dell’omicidio è da ricondurre ad un attività illecita di natura economica-estorsiva degli indagati in cui era coinvolta attivamente anche la vittima.

27 Novembre 2019 – Rapina – I Carabinieri della Tenenza di Paderno Dugnano hanno arrestato, in esecuzione ad un’ordinanza di Custodia Cautelare in carcere 5 soggetti responsabili di una rapina in villa avvenuta in data 2 agosto 2019 ai danni di un imprenditore del luogo, durante la quale rimaneva ferita la figlia di quest’ultimo quando un rapinatore le strappava il telefono cellulare dalle mani. Già nell’immediatezza un malfattore veniva arrestato, ostacolato nella fuga dalla P.O. e grazie al pronto intervento dei militari della Tenenza di Paderno Dugnano. L’attività investigativa, svolta nei 40 giorni successivi all’evento, ha permesso poi di riunire molti elementi che hanno consentito di individuare la banda, composta da 5 soggetti, in cui ognuno di essi aveva un ruolo ben definito dal basista al palo agli esecutori materiali.

10 Dicembre 2019 – Tentato Sequestro – I Carabinieri della Compagnia di Corsico unitamente al Nucleo Investigativo di Bologna, hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna nei confronti di 6 soggetti e proceduto al fermo di iniziativa nei confronti di ulteriori 5 soggetti, tutti gravemente indiziati del delitto di tentato sequestro di persona a scopo estorsivo in concorso. Il provvedimento è l’esito di una prolungata attività tecnica originata dalla Stazione Carabinieri di Cornaredo a seguito di una frode informatica ai danni di un Istituto di Credito e che ha consentito di accertare che i componenti della compagine criminale stavano pianificando il sequestro di un imprenditore del settore informatico, residente nel centro di Bologna, al fine di costringere quest’ultimo a comunicare i dati di accesso ai propri conti correnti, in modo da trasferire circa 4,5 milioni di euro a favore del sodalizio. Le indagini eseguite hanno anche permesso di individuare altri 4 soggetti resisi responsabili di una rapina commessa a Modena l’11.11.2019 commissionata da 2 soggetti che avevano programmato il rapimento.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter