Trento, 05 novembre 2018   |  

Non apre paracadute, base jumper muore

Si getta al "Becco dell'Aquila" all'imbrunire, ha problemi in fase di apertura del paracadute che purtroppo era avvitato su se stesso.

02

Immagine di repertorio

Nella serata di ieri, domenica 4 Novembre, verso le ore 16:30, l'Area Operativa Trentino Meridionale è intervenuta per prestare soccorso ad un base-jumper romeno di 40 anni che, nel lancio effettuato dal famoso "Becco dell'Aquila" all'imbrunire assieme a due compagni, ha avuto problemi in fase di apertura del paracadute che purtroppo era avvitato su se stesso.

Il base-jumper, nel tentativo di ripristinare la vela, ha sbattuto violentemente contro la parete sottostante ed è successivamente rotolato per 150 metri. L'allarme alla centrale 112 è arrivato immediatamente da alcuni scalatori che rientravano dopo un'arrampicata e che hanno assistito alla scena.

Immediatamente è stata inviata una squadra di 6 Tecnici del Soccorso Alpino Trentino ed è intervenuto l'elisoccorso che ha individuato il corpo dello sfortunato in prossimità dello zoccolo della nota via Vertigine.

Il Tecnico di Elisoccorso del Soccorso Alpino Trentino è stato verricellato sul base-jumper, ma purtroppo senza poter fare nulla se non procedere con il recupero della salma.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter