Sondrio, 12 ottobre 2018   |  

Ats propone un confronto su randagismo e animali d'affezione

Alta l’attenzione rispetto alle problematiche legate alla gestione gli animali d’affezione.

stasi

Ancora fresca dell’assegnazione di un premio nazionale consegnato lo scorsa settimana a Napoli da Legambiente, l’ATS della Montagna tiene alta l’attenzione rispetto alle problematiche legate alla gestione gli animali d’affezione.

Proprio a seguito delle recenti novità in materia di tutela introdotte dal legislatore regionale, Il Dipartimento Veterinario e Saoa dell’Ats ha organizzare uno specifico convegno sul tema.

L’incontro, oltre a rappresentare un momento di approfondimento e di aggiornamento, ha voluto essere un’occasione di scambio e confronto fra tutte le figure coinvolte a vario titolo in questa sempre più interessante ed attuale tematica. All’evento che si è svolto,  giovedì 11 Ottobre,  alle ore 14.30 presso la Sala Fabio Besta sono stati invitati i sindaci dei Comuni della provincia di Sondrio, i comandi di Polizia Locale, i veterinari, l’Amministrazione provinciale, le Comunità Montane e le sezioni locali di Enpa e Leidaa (Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente).

Ad aprire i lavori portando i suoi saluti è stato il Direttore Generale dell’Ats, Maria Beatrice Stasi. Il Dr. Marco Marchetti, Direttore del Dipartimento Veterinario e Saoa, ha invece introdotto il tema relativo a “Responsabilità e doveri generali del detentore di un animale d’affezione”.

“Anagrafe degli animali d’affezione e novità relative al Titolo VIII capo II della L.R. 33/2009” è stato l’argomento trattato dal Dr. Fabio Orsi, Direttore Servizio Sanità Animale. In chiusura la Dott.ssa Silvia Fiorina, Dirigente Veterinario del Servizio di Sanità Animale ha approfondito e trattato l’argomento relativo a “Le strutture di ricovero degli animali d’affezione ai sensi del Regolamento Regionale 13 aprile 2017, n. 2”.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Ottobre 1986 Reinhold Messner raggiunge la vetta del Lhotse (Nepal) e diventa il primo uomo ad aver scalato tutte le quattordici vette che superano gli 8000 metri

Social

newFB newTwitter