Sondrio, 12 novembre 2017   |  
Cronaca   |  Sport

Al valtellinese Camillo Della Vedova il premio Meroni

di Alberto Comuzzi

Una storia umana votata al volontariato, all’insegnamento, al soccorso alpino e alle singole sfumature di chi vede nella montagna il terreno più adatto per manifestare la propria natura intimamente altruista.

P1070594

Camillo Della Vedova

Camillo Della Vedova è uno dei vincitori del Premio Meroni 2017. La cerimonia si è svolta venerdì 10 Novembre, nella sala Alessi del Comune di Milano in piazza della Scala 2. Il premio che gli è stato conferito è intitolato alla memoria di “Marcello Meroni”, ed è promosso dalla Scuola di Alpinismo e scialpinismo “Silvio Saglio” della sezione Sem (Società escursionisti milanesi)  del Cai con il consenso ed il sostegno della famiglia di Marcello e con il patrocinio della Scuola Regionale Lombarda di Alpinismo, del Comune di Milano, dell'Università Statale di Milano e dell'Università della Montagna.

I candidati sono persone che hanno compiuto atti di solidarietà legati alla difesa e promozione della montagna. Il premio è diviso in quattro categorie: ambiente, cultura, alpinismo e solidarietà.

Camillo Della Vedova è stato premiato per la categoria alpinismo con la seguente motivazione: "Ha dedicato quaranta anni della sua vita all’alpinismo, non per la vetta a tutti i costi e neppure per le imprese più prestigiose (anche se queste ultime non gli mancano certo): bensì per la valenza sociale e costruttiva che l’alpinismo può avere, soprattutto se vissuto nell’ambito di un sodalizio come il Club Alpino Italiano, dove ha svolto i compiti che gli derivavano dalle sue cariche sociali con particolare dedizione.

Quindi la sua è una storia umana votata al volontariato, all’insegnamento, al soccorso alpino e alle singole sfumature di chi vede nella montagna il terreno più adatto per manifestare la propria natura intimamente altruista."

Riscalda il cuore – non solo dei Valtellinesi, ma delle tante positive persone che altruisticamente pensano al prossimi – che il prestigioso premio “Marcello Meroni” sia stato conferito a Camillo della Vedova, tiranese trapiantato a Sondrio, che dei suoi 71 anni ne ha impegnati, appunto, quaranta a valorizzare la montagna, insegnando innanzi tutto ai giovani a rispettarla.

«All'alpinismo sono approdato a trent'anni», ha spiegato Camillo, «e i miei maestri del tempo si sono subito accorti che avevo buone qualità e attitudini, grazie alle quali ho raggiunto traguardi importanti in diverse spedizioni. Per 37 anni ho alternato il mio lavoro di capo officina alla Volkswagen con le pratiche dell'arrampicata e dello sci fino a diventare il direttore della scuola di alpinismo e sci “Luigi Bombardieri” del Cai sezione valtellinese, oggi presieduta dall'infaticabile Marusca Piatta.

Il premio, del tutto inatteso, è anche merito del bellissimo gruppo di amici che partecipano all'attività del Cai valtellinese, i quali, so per certo, mi hanno segnalato alla giuria del “Marcello Meroni”». Se con il lavoro Camillo ha chiuso, non altrettanto ha fatto con la montagna.

Chi avesse l'avventura di percorrere i sentieri sul Gruppo del Bernina o quelli della Val di Mello potrebbe rischiare d'incontrarlo, intento a svelare i segreti dell'arrampicata o dello sci ai tanti frequentatori dei corsi di alpinismo di cui è tuttora responsabile.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newFB newTwitter