Morbegno , 17 ottobre 2019   |  

Al Trofeo Vanoni la Nazionale di corsa di montagna

Nono solo atleti europei all'edizione 2019 ma saranno presenti al via anche gli atleti della Nazionale di corsa di montagna

Vanoni treofeo morbegno

Davide Vaninetti (Facebook FotoRun Valtellina)

Una super edizione quella del Trofeo Vanoni 2019, oltre agli atleti provenienti da tutta Europa sarà schierata al via l’intera nazionale di corsa in montagna che si sta preparando per i Mondiali in Patagonia e che sarà a Morbegno per un mini-raduno proprio il weekend del 26 e 27 Ottobre. Avete letto bene: il 62° Trofeo Vanoni e il 36° Vanoni femminile avranno come protagonisti tutti i top runners italiani ed europei.

Presente l’Atletica Valle Brembana del bronzo europeo Chevrier con Maestri e Cagnati, l’Atletica Valle Brembana campione d’Italia con il recordman del percorso Alex Baldaccini, Cavagna e Puppi, i Falchi Lecco, primi italiani lo scorso anno, La Recastello Radici Group di Piana, Ruga e Bertolini, l’Atletica Valchiese con il fenomeno Vender e gli junior Berti e Merli.

A questi si aggiungono i francesi capitanati da Julien Rancon che a Morbegno è un idolo e che sarà in gara con i vincitori dello scorso anno Cachard e Fine, la squadra britannica selezionata alla Snowdon Race composta da Hanna, Baxter e Cayton, la Scozia terza lo scorso anno con Bryson, Wolfe e Gollan, l’Irlanda di Lupton, Conroy e Kevan, la Polonia degli under 23 Kubica, Jilek e Dudczak, il Galles con Bodman, Hughes e Roberts, il team inglese sponsorizzato Inov 8 capitanato da Mounsey insieme a Wood e Adams.

Ancora non vi basta? La gara individuale femminile non è da meno, anzi. Si ripropone la sfida tra la vincitrice dello scorso anno Elisa Sortini (Atletica Alta Valtellina) e la vincitrice della Coppa del mondo WMRA Sarah McCormack (bella rivincita dopo la battaglia alla Snowdon Race), si aggiunga la sempre competitiva Pavla Schorna (Repubblica Ceca), la rientrante Alice Gaggi reduce da un ottimo 4° posto alla Smarna Gora in Slovenia, poi occhi puntati sulle altre azzurre Colli, Pastorelli, Scaini, sulle francesi campionesse europee 2018 Anais Sabrie e Elise Poncet, sul bronzo mondiale master Rebecca Quinn, sulla locale Roberta Ciappini (La Recastello Radici Group), sulla scozzese Miranda Grant e l’inglese Kirsty Hall. Sicuramente non mancherà lo spettacolo, così com’è stato alla conferenza stampa di presentazione che, in maniera originale e coinvolgente, ha presentato la manifestazione a 360° con filmati, video messaggi (quelli di Julien Rancon, Alex Baldaccini e Paolo Germanetto) e con gli interventi/interviste del neo-sindaco di Morbegno Alberto Gavazzi (che di “Vanoni” in gioventù ne ha corsi due), dell’assessore comunale allo sport e vicepresidente della Comunità Montana Valtellina di Morbegno Franco Marchini, del consigliere di Regione Lombardia Simona Pedrazzi, del vicepresidente della Provincia di Sondrio Andrea Ruggeri, del presidente Fidal Sondrio Giovanni Del Crappo (che ha corso il memorabile, epico e bagnatissimo “Vanoni” dello corso anno), del presidente CSI Sondrio Pierluigi Tenni, Ettore Castoldi e Pierandrea Speziale per il CONI e gli amici di AVIS, AIDO e ADMO. 

Programma 
Sabato  26 Ottobre 2019
Ore 15.00/17.00 Seminario sportivo in collaborazione con CONI Lombardia:”Genitore, educatore e allenatore: regole condivise per crescere insieme”
Ore 17.00 Ritrovo in Piazza Sant’Antonio di tutte le nazioni e atleti presenti al 62° Vanoni
Ore 17.30 Sfilata lungo via Vanoni fino al Monumento Ai Caduti deposizione corona
Ore 18.00 S. Messa nella Collegiata di S. Giovanni Battista in suffragio
di Ezio Vanoni, di Mons. Edoardo Danieli, dei Caduti del Battaglion Morbegno, di Don Davide Colico e degli amici, atleti e dirigenti scomparsi.

Domenica 27 Ottobre 
Ore 9.00 Inizio gare 42° Minivanoni
Ore 11.00 Partenza 36° Vanoni femmnile
Premiazioni 42° Minivanoni (zona arrivo)
Ore 14.00 Partenza 62° Trofeo Ezio Vanoni
Ore 17.30 Premiazioni 36° Vanoni femminile e 62° Trofeo Ezio Vanoni nel complesso di San Giuseppe in via V Alpini – Sala Ipogea

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter