Chiuro , 16 maggio 2019   |  

A Chiuro una serata all'atletica e mezzofondo

Lo sport protagonista, martedì sera 14 Maggio, all’impianto di Chiuro

DSC 0234

Foto di Davide Vaninetti/FB FotoRunValtellina.

Serata dedicata all'atletica e mezzofondo a Chiuro martedì 14 Maggio, la manifestazione,  nelle precedenti edizioni si era svolta a Sondrio, quest’anno ha deciso di cambiare impianto.

Come sempre la casa dell’atletica provinciale, con la presenza discreta dei volontari del GS Chiuro a fare da supporto, ha accolto gli atleti. Presenti in sala per il  salto in lungo maschile  l’allievo Michele Bruseghini (GS Chiuro) e  Anna Tosarini (GP Santi).

A seguire l’allievo di Talamona Mattia Tacchini (che veste la maglia dell’Atletica Lecco) ed il senior Giorgio Gianatti (ADM Melavì Ponte). Seguono Tacchini che arriva lanciato sul fil di lana in 50”10 (suo personale indoor sulla distanza 50”96”), tempo che vale il pass per il campionato italiano. Mattia promette di scendere sotto il muro dei 50 secondi. Per Gianatti un buon rientro in pista con 52”14, dopo che già aveva fatto qualche apparizione indoor quest’inverno.

Nei 3000 femminili le protagoniste sono 3: la neo-campionessa italiana di corsa in montagna a staffetta Katia Nana (Pol. Albosaggia), la campionessa italiana CSI di corsa campestre Greta Contessa (GP Santi) e la campionessa italiana master 2018 nei 10.000 metri Cinzia Zugnoni (GS CSI Morbegno).

A metà gara Nana procede con il suo ritmo e le più dirette avversarie si staccano. La malenca chiude con 10’43”64 che le permetterà di partecipare ai 5000 metri del campionato italiano juniores, Contessa è seconda in 10’57”34 e anche lei potrà prendere parte alla rassegna tricolore. Completa il podio l’evergreen dei diavoli rossi con 10’58”34. Grande spettacolo anche nella prima serie maschile dei 3000 metri.

Partenza un po’ lenta, con Daniele Molatore (GP Santi), Cristian Menghi (GS Valgerola), Alessandro Rossi (AS Lanzada), Stefano Bonomi Boseggia (Pol. Albosaggia) e il compagno di squadra Saverio Steffanoni nel trenino di testa. Dopo alcuni cambi a tirare il gruppo, a fare il ritmo è Daniele Molatore che stacca tutti con un bell’allungo finale e va a vincere in 8’58”96. Argento per Menghi autore di una gara in progressione (nuovo personale con 9'00"40), d’un soffio davanti a Stefano Bonomi Boseggia (nuovo personal best con 9'01"18).

Da citare anche il 2000 cadetti: a livello femminile bella sfida tra Elisa Rovedatti (GS CSI Morbegno) e Maria Gusmeroli (GP Talamona), con quest’ultima che alla fine riesce a staccare la morbegnese e vincere con il crono di 7’13”56; a livello maschile Davide Mazzucchi (AS Lanzada) si gestisce bene e piomba per primo sul traguardo in 6’37”60 seguito da Giacomo Ciaponi (GP Talamona\6’40”32) e Oliviero Curti (GP Santi\6’42”44). Negli ostacoli in luce gli atleti del CO Piateda che sono arrivati a un soffio dalla qualificazione per i campionati italiani: Daniele Lanzini (100 ostacoli cadetti\14”76) e Andrea Parolo (110 ostacoli allievi\16”02).

download pdf Premiati

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Luglio 1992 a Palermo, a pochi mesi dalla strage di Capaci, viene ucciso dalla mafia il procuratore della Repubblica Paolo Borsellino

Social

newFB newTwitter