Bormio , 20 aprile 2019   |  

A Bormio è tempo di Pasquali

Il giorno di Pasqua, la città di Bormio organizza una festa dalle origini antichissime la sfilata dei Pasquali.

sfilata pasquali carro bormio

Pasquali sono delle portantine allegoriche a significato religioso che vengono trasportate in sfilata per le vie del centro storico di Bormio durante il giorno di Pasqua. I carri sono composti da portantine in legno sulle quali vengono posizionate le opere artigianali, veri e propri capolavori che richiedono mesi e mesi di lavorazione.

I Pasquali vengono portati a spalla dai pasqualisti, generalmente i giovani del paese che vengono accompagnati anche da donne, anziani e bambini, tutti rigorosamente abbigliati con i costumi della tradizione.

La sfilata dei Pasquali innesca anche la competizione tra i cinque reparti (quartieri) del paese (Maggiore, Dossorovina, Buglio, Combo, Dossiglio) i quali si sfidano per vincere l’ambito premio di migliore carro pasquale.

Il Pasquale era una costruzione sulla quale i cittadini di Bormio ponevano l’agnello sacrificale da offrire a Dio. Sin dalle origini, il desiderio dei bormini di abbellire il carro fu una costante che di anno in anno assunse una valenza sempre più importante. La tradizione dei Pasquali è arrivata fino ai giorni nostri e continua ad essere molto sentita dagli abitanti del luogo.

Niente è lasciato al caso: la sfilata dei Pasquali segue un ordine prestabilito. Si apre con la Filarmonica di Bormio, poi le persone a cavallo e le carrozze. Seguono le varie portantine: gli uomini trasportano in spalla i carri che possono raggiungere diverse tonnellate di peso.

La partecipazione di bambini, famiglie e gruppi folkloristici rende questo rendez-vous ancora più suggestivo. Tutti indossano i costumi tradizionali e se è vero che i pasqualisti esibiscono i muscoli sopportando il peso del carro, le donne completano ed addolciscono il quadro portando fiori e prodotti artigianali. La giuria decreterà il Pasquale più rappresentativo sulla somma di diversi fattori: il significato religioso, il valore artistico e artigianale dell’opera oltre al portamento e vestizione dei partecipanti.

download pdf Programma

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Maggio 1536 Anna Bolena, la seconda moglie di Enrico VIII d'Inghilterra, viene decapitata con la falsa accusa di adulterio

Social

newFB newTwitter