Sondrio, 10 settembre 2014   |  
Sondrio   |  Società

Sabato 20 settembre parte "ValFamily: un sistema per la famiglia in Valtellina”

Attraverso stand informativi, seminari e attività per i più piccoli, verrà presentato l'innovativo progetto della Cooperativa Ippogrifo

Schermata 2014 09 10 alle 14.49.55

Sabato 20 settembre a Sondrio, si terrà l’evento per la presentazione di “Valfamily: un sistema per la famiglia in Valtellina”. L’evento è organizzato dalla cooperativa sociale Ippogrifo in occasione del lancio del suo innovativo progetto che ha come prerogativa quello di porre la famiglia come prima risorsa per il territorio.

La manifestazione inizierà con “Famiglie in piazza”. In piazza Garibaldi, dalle 16 fino alle 21, saranno presenti stand informativi che offriranno tutte le informazioni riguardo al progetto “ValFamily”, e mentre i grandi approfondiranno questa opportunità ai più piccoli saranno offerti giochi, animazione e i gonfiabili.

Inoltre dalle 17 fino alle 18 e 30 si terrà il seminario “Famiglia: prima impresa”, presso la sala Vitali del Credito Valtellinese, situata in via delle Pergole 10, sempre a Sondrio. All’incontro interverrà un responsabile di un Distretto Famiglia Trentino che illustrerà la propria esperienza, dopo di lui il gruppo CGM parlerà riguardo “il ruolo della cooperazione sociale del benessere della famiglia” e infine verrà istituita una tavola rotonda tra Cisl Sondrio, Confartigianato Imprese Sondrio, Cooperativa Ippogrifo, Fondazione Melazzini, Patronato Acli, P.G.S. San Rocco e i rappresentanti del mondo della scuola.

«La cooperativa Ippogrifo, presente sul nostro territorio da 20 anni, vuole introdurre un innovazione sociale attraverso un cambiamento del modo di pensare ai servizi»ha commentato il Presidente della cooperativa, Paolo Pomi. «L’ambizione è quella di rielaborare il welfare tradizionale rivolgendosi a tutta la comunità partendo dalle famiglie».

«“ValFamily” è un progetto imprenditoriale innovativo» ha continuato «basato sui principi dell’economia collaborativa, che si ispira ad altre esperienze simili e di successo realizzate in Italia. La volontà è quella di dare risposte nuove ai bisogni espressi dalle famiglie, offrire servizi e opportunità, promuovendo qualità sostenibili». «Il progetto ha come scopo anche quello di costruire un network nella quale imprese, enti commerciali, associazioni, gruppi famigliari e famiglie potranno collaborare per il benessere reciproco» ha poi concluso.

Il progetto consiste inizialmente nella creazione di uno sportello, in via Vittorio Veneto 15 a Sondrio, per accogliere le famiglie al fine di capire le esigenze che queste hanno. Conoscere il nucleo familiare, comprendere quali bisogni ha e quali risorse può offrire è il primo approccio verso un economia sociale di collaborazione. In questo modo, oltre a offrire servizi di assistenza alla famiglia, come la definizione di un bilancio famigliare o l’istituzione di gruppi di acquisto, “ValFamily” coordinerà e organizzerà le diverse famiglie partecipanti in modo che possano rispondere alle proprie esigenze unendo gli sforzi, recuperando dalla cooperazione risorse di tempo e di competenze. 

Ruolo importante nel progetto saranno le aziende, gli enti pubblici profit o no profit e gli esercizi commerciali che già hanno aderito e che aderiranno. Gli “Amici di ValFamily”, identificabili attraverso l’esposizione del logo del progetto, offriranno sconti speciali, spazi e giornate dedicati alle famiglie.  

Per partecipare a “ValFamily” il costo è di 50 euro all’anno, un contributo minimo per accedere a delle risorse potenzialmente illimitate considerando che sono frutto della solidarietà tra i vari soggetti, che siano essi famiglie, ristoranti aziende o associazioni, inseriti in una rete di mutuo soccorso.

download pdf la locandina

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Febbraio 1984 viene firmato l'accordo di villa Madama, il nuovo concordato tra Italia e Santa Sede.

Social

newFB newTwitter