Sondrio, 17 marzo 2016   |  

Fabio Fancoli confermato alla guida dell'Ente Bilaterale Agricolo

Nella mattinata del 16 marzo 2016, presso la nuova sede dell’EBAS di Sondrio, si è svolta la riunione per il rinnovo delle cariche direttive per il prossimo triennio.

ebas20inaugurazione20nuova20sede

Inaugurazione nuova sede Ebas

Nella mattinata del 16 marzo 2016, presso la sala riunioni della nuova sede dell’Ebas di Sondrio in via Cesare Battisti n.12, si è svolta la riunione del Comitato di gestione dell’Ente Bilaterale Agricolo provinciale con all’ordine del giorno l’elezione per il rinnovo delle cariche direttive per il prossimo triennio.

All’unanimità, è stato confermato nella carica di Presidente dell’Ente Fabio Fancoli (Coldiretti) e alla vicepresidenza, sempre all’unanimità, l’attuale Segretario della FLAI CGIL Vittorio Boscacci che subentra a Donatella Canclini, Segretaria provinciale della UILA UIL, che ha ricoperto la carica di vicepresidente nell’ultimo triennio.

Ebas, esplica la sua azione in provincia di Sondrio in un contesto di circa 380 aziende agricole, offrendo i suoi servizi di assistenza ad oltre 2.000 lavoratori loro dipendenti mediante interventi per integrare i trattamenti obbligatori conseguenti a malattie e infortuni oltre ad ulteriori azioni assistenziali nei casi di bisogno, anche correlate a particolari condizioni sociali e familiari, quali, ad esempio: contributi per protesi odontoiatriche ed oculistiche, borse di studio, assegni funerari, ma  l’attività di Ebas non si ferma ai soli interventi assistenziali; infatti, altre importanti attribuzioni di carattere politico e sociale si sono affermate nell’arco di questi 35 anni, connotando l’azione dell’Ente quale propulsore di crescita sociale nell’ambito del comparto agricolo.

Tra queste attribuzioni si evidenziano: la promozione e l’implementazione della formazione professionale, il monitoraggio delle dinamiche occupazionali con particolare riferimento alle pari opportunità ed ultimamente, a partire dal 2013, un forte impegno mirato a diffondere e ad incentivare la tutela della salute dei lavoratori e la sicurezza sui luoghi di lavoro delle nostre aziende agricole.

 

 

 

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Luglio 1992 a Palermo, a pochi mesi dalla strage di Capaci, viene ucciso dalla mafia il procuratore della Repubblica Paolo Borsellino

Social

newFB newTwitter