Berbenno, 18 giugno 2014   |  
Provincia   |  Cultura

“L’infinita musica del vento” raggiunge Berbenno

Giovedì 26 il musicista e scrittore valtellinese Lorenzo Della Fonte racconterà il suo ultimo libro alla Biblioteca comunale

LDF

Una serata di cultura e di musica quella organizzata dalla Biblioteca “G.B. Noghera” di Berbenno, giovedì 26 giugno alle ore 20.45. Il direttore d’orchestra valtellinese Lorenzo Della Fonte tornerà a “casa” per raccontare il suo ultimo libro.

“L’infinita musica del vento” è la storia romanzata, ma interamente basata su avvenimenti reali, di un giovane clarinettista napoletano dell’Ottocento: Francesco Maria Scala, uno dei tanti italiani che cercarono la fortuna emigrando in America. Bravo, determinato e certo più favorito di altri, la trovò e divenne il primo direttore della Banda dei Marines ufficialmente riconosciuto dal Congresso. Le tre parti del romanzo raccontano di altrettanti mondi diversi e a prima vista impenetrabili l’uno all’altro: la grande Napoli dei Borboni e del Teatro San Carlo, il mare sterminato e il tramonto della grande epopea dei velieri, i giovani Stati Uniti d’America con le contraddizioni sociali che somigliano tanto a qualcosa di fortemente attuale.

Lorenzo Della Fonte (Sondrio, 1960) è musicista, compositore e insegnante al Conservatorio di Torino. Gira il mondo come direttore di orchestre di fiati o, come si diceva una volta, di bande. Studioso del repertorio originale per fiati, è autore del fortunato saggio “La Banda: Orchestra del nuovo millennio”.

Assiduo osservante dell’innovazione in musica, crede che la banda debba svincolarsi dal ruolo limitato nella tecnica e nel repertorio, e talvolta avvilente nella funzione e fruizione, che le è stato imposto dai media. Quando non è in viaggio vive in Valtellina con la moglie Elena, i figli e il nipotino. Nonostante sia assai nordico per carattere ed abitudini, ama disperatamente l’Italia meridionale, sperando di esserne ricambiato.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Dicembre 1901 Guglielmo Marconi riceve il primo segnale radio transoceanico.

Social

newFB newTwitter